Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Let’s Eat Grandma – I’m All Ears

2018 - Transgressive Records
pop / indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

  1. Whitewater
  2. Hot Pink
  3. It’s Not Just Me
  4. Falling Into Me
  5. Snakes & Ladders
  6. Missed Call (1)
  7. I Will Be Waiting
  8. The Cat’s Pyjamas
  9. Cool & Collected
  10. Ava
  11. Donnie Darko

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Qualche anno fa le due ragazze che compongono Let’s Eat Grandma spuntarono quasi dal nulla col loro disco di debutto “I, Gemini”, un disco art pop sprizzante creatività da tutti i pori e con idee interessanti da proporre. Nonostante mostrasse una certa ingenuità – dovuta anche alla giovane età delle musiciste – prometteva un futuro brillante, suscitando così attorno all’uscita del loro secondo album “I’m All Ears” un grande alone di interesse. Quando si è venuti a sapere che alcune tracce sarebbero state prodotte da SOPHIE, una delle colonne portanti della label PC Music e del sound pop futuristico, si è rimasti ancora più trepidanti.

Ascoltando l’album ci si rende subito conto di una crescita da parte delle ragazze. Le canzoni sono strutturate bene, in maniera interessante e soddisfacente, e anche nel cantato si vede un miglioramento. Complimenti anche all’intro del disco, che per essere una semplice introduzione ha comunque una vasta variazione di stili e idee e prepara bene per quello che viene a seguire. Le canzoni prodotte da SOPHIE spiccano per la loro vena electropop e per una grande orecchiabilità, come Hot Pink, che non a caso è stata scelta come primo singolo.

Fra le altre tracce una che spicca molto è Falling Into Me, dove giocano con la struttura stessa di canzone pop, rendono difficile distinguere quale sia davvero il ritornello; ma funziona benissimo lo stesso e riescono anche ad introdurre dei sassofoni.

Il resto delle canzoni è solido, per la maggior parte è art pop con sintetizzatori pungenti, comunque molto più creativo ed interessante delle altre uscite simili degli ultimi anni. Come finale abbiamo Donnie Darko, un’imponente viaggio synthpop che nonostante i suoi 11 minuti di durata vola via come se fosse una semplice canzone da pochi minuti – l’ennesima dimostrazione del loro talento e della loro crescita musicale.

Un disco ben fatto, soddisfacente, che attrarrà molti nuovi meritati fan e che potrebbe diventare un classico. Da ascoltare e conservare.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni