Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Generic Animal – Emoranger

2018 - La Tempesta Dischi
pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Scarpe #1
2. Emoranger
3. Sesso bastardo
4. Bravo
5. Scooter
6. Camper
7. Gattone
8. Amico
9. Appartamento


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Va bene, il titolo del disco non mi piace. “Emoranger” suona troppo consueto. È il nickname di Luca Galizia su Instagram, ma perchè dedicare un intero disco a un titolo così?

Anche “Emoranger” esce come il precedente S/T su Tempesta Dischi, ma questa volta Generic Animal si avvale dell’aiuto di Bomba Dischi, forse ancora in una diogenica ricerca di qualcuno che possa eguagliare Calcutta, almeno a livello di presa. I brani sono nove e c’è dell’autotune. Tanto. C’è troppo autotune. Non a livello di trap o robe simili, ben inteso. Ma comunque ce n’è a mio avviso troppo per le mie aspettative e non posso evitare di risultarne amareggiato.

Il disco si snoda secondo la stessa tracciatura minimale del disco precedente: poca elaborazione tecnica, per fortuna, ma arrivando al pubblico solo dopo pochi mesi era normale non aspettarsi stravolgimenti. Più ragionato e meno focalizzato sulla materialità quotidiana; più interiore, se proprio vogliamo parlare di paragoni. Il minimalismo di “Emoranger” risiede nel ricercare la materia esterna grazie al proprio pensiero, all’esistere grazie alla propria musica. È un minimalismo molto simile, per esempio, a quello che cantava e descriveva Babalot. La musica suonata da Generic Animal non è una musica en plein aire, anzi. Ci immaginiamo le sigarette, le tapparelle abbassate nel primo pomeriggio,il telefono introvabile sotto ad una tempesta di fogli di carta, a merende scartate. Qui risiede la sua potenza.

Emoranger” è però un disco forse troppo incentrato sulla solipsistica versione dei fatti di Luca Galizia, in cui mancano i neologismi architetturali del primo disco ma soprattutto la calma afosa con cui arrivavano le cantilene, dolci e trafugate, di brani come Broncio. Ma non è corretto parlare a ritroso, perché Generic Animal sta rappresentando, in questo biennio, una novità verace nel panorama indie italiano. Una realtà con la quale ci troveremo a fare i conti, prima o dopo. La sua esposizione culturale è pressante, i suoi interessi sono vividi. Ecco allora canzoni rarefatte come Sc00ter e Bravo  nonostante un autotune al limite della sopportazione), oppure ironiche come Sesso bastardo, frutto di una sapiente ricerca musicale e di un’eccellente produzione (a cura di Zollo) lo-fi standardizzata su livelli poco lo-fi.

Appartamento, l’ultima, è forse assieme all’iniziale Scarpe#1, la canzone del disco che più ci riporta all’anno scorso: flusso di coscienza, descrizioni casalinghe e dialoghi indiretti. Fosse stato tutto così, “Emoranger” (vediamo se continuando a nominare il titolo riesco ad esorcizzare il suono della parola in modo da farla apparire normale) sarebbe stato un disco incredibile. E invece no.

Dopo alcune uscite che hanno lasciato desiderare a livello di pacche e incisività, riecco affiorare Bomba Dischi, insomma. Sono contento.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni