Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Toro Y Moi – Outer Peace

2019 - Carpark Records
elettronica

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Fading
2. Ordinary Pleasure
3. Laws of the Universe
4. Miss Me (feat. ABRA)
5. New House
6. Baby Drive It Down
7. Freelance
8. Who Am I
9.bMonte Carlo (feat. WET)
10. 50-50 (feat. Instupendo)


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Toro y Moi non necessita di presentazioni. Parte integrante del fenomeno chillwave di inizio decennio, il ruolo del produttore americano nell’ascesa e nello sviluppo del filone è significativo, con ben dodici pubblicazioni in poco meno di otto anni. Tuttavia a partire da “What For?” qualcosa sembra essersi incrinata. Il parziale abbandono della formula magica che lo ha portato in alto e lo sviluppo di soluzioni maggiormente easy-listening, non hanno espresso le stesse potenzialità dei lavori precedenti.

Con “Outer Peace” il nostro Chaz Bear sembra riprendere i vecchi impianti per posizionarli sulla strada tracciata con il citato “What For?“, in una centrifuga di ibridazioni che sortisce i suoi effetti. Miss Me e New House riaccendono la fiamma chill con la loro linea minimal, mentre l’apripista Fading ci mostra il lato dinamico del genere tra fx e bassi liquidi. La struttura del singolo Freelance rispolvera motivi danzerecci e ipnotici, mentre nella combo iniziale di Ordinary Pleasure e Laws of the Universe c’è spazio per texture funky. In coda c’è spazio per i territori nu-disco di Who I am, il cui titolo esemplifica la poliedrica e dinamica identità musicale del produttore; mentre la chiusura è affidata a 50/50 esperimento di fusione tra chillwave e repertorio wonky che strizza l’occhio ai beat di XXYYXX.

I trenta minuti di “Outer Peace” sono i migliori da anni a questa parte. Nell’apparente disordine delle scelte musicali (pop, funky, r&b, ambient, chillwave, dub, garage, trap) il lavoro si presenta compatto e con i passaggi a vuoto ridotti al minimo. Convivono ritmi diversi tra loro accomunati da un quid onnipresente, transizioni sentite e risentite altrove che però acquisiscono una loro personale forma nel marchio Toro y Moi. La formula chillwave ha ripreso parte del processo creativo attraverso intelligenti combinazioni, dimostrando che il filone ha ancora qualcosa da trasmettere se lasciato maturare in un’ambiente elettronico che nel frattempo è mutato. L’estetica del prodotto Toro y Moi si è rifatta il trucco, solo il tempo potrà dirci se la strada è quella giusta.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni