Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Die Klute – Planet Fear

2019 - Cleopatra Records
industrial metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. If I Die
2. Out Of Control
3. The Hangman
4. Rich Kid Loser
5. For Nothing
6. Human Error
7. It’s All In Vain
8. Born For A Cause
9. Infectious
10. Push The Limit
11. She Watch Channel Zero?!
12. Mofo


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Possibile che praticamente nessuno si sia accorto dell’uscita di questo album? In un’altra epoca, la notizia della nascita di un super-trio composto da personaggi del calibro di Jurgen Engler (Die Krupps), Dino Cazares (Fear Factory) e Claus Larsen (Leæther Strip) avrebbe raccolto decisamente maggior attenzione. Non pare esserci molto spazio per l’industrial nel 2019; pur trattandosi di un genere che gode ancora di ottima salute (l’anno scorso ce l’hanno dimostrato i vari Soft Moon, Author And Punisher e Uniform), l’interesse del grande pubblico si è spostato ormai da un pezzo verso altri suoni.

Che questo “Planet Fear” possa riuscire a invertire la tendenza? Difficile crederlo. I Die Klute non sembrano voler aggiungere davvero nulla di nuovo al discorso. Quello che fanno lo fanno abbastanza bene, con impegno e dedizione; ma quanto ascolterete in questi cinquanta minuti riuscirete a trovarlo anche nelle migliori produzioni di Engler, Cazares e Larsen risalenti a più di due decenni fa, quando i loro progetti principali rappresentavano qualcosa di innovativo ed eccitante in ambito industrial.

A prevalere è la componente più sintetica ed elettronica portata in dote da Engler e Larsen che, forse per questioni di provenienza geografica (il primo è tedesco, il secondo danese), preferiscono “giocare” con robuste sonorità EBM piuttosto che con il metal tanto caro al buon Dino Cazares. Ai fan dei Fear Factory però dico di stare tranquilli: “Planet Fear” abbonda di riff chirurgici e taglienti come rasoi che vi riporteranno in mente i fasti di “Demanufacture”.

Tra i migliori vi sono quelli dell’ossessiva Out Of Control (qui si avverte qualche influsso dei Killing Joke di “Pandemonium”), della martellante It’s All In Vain e della reznoriana The Hangman, che parte con delle scariche di rullate digitali degne di Happiness In Slavery dei Nine Inch Nails per poi proseguire come qualcosa che i Ministry avrebbero potuto fare nel periodo pre “Psalm 69”.

Ormai lo avrete capito: tutto quello che è accaduto tra il 1994 e i giorni nostri per i Die Klute non è particolarmente degno di nota. E anche le drum machine, i synth e i sequencer che rappresentano la vera e propria spina dorsale di “Planet Fear” suonano come pezzi d’antiquariato. Eccovi servito l’industrial reazionario, con tutti i suoi pregi e difetti.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni