Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Millencolin – SOS

2019 - Epitaph
punk-rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. SOS
2. For Yesterday
3. Nothing
4. Sour Days
5. Yanny & Laurel
6. Reach You
7. Do You Want War
8. Trumpets & Poutine
9. Let It Be
10. Dramatic Planet
11. Caveman's Land
12. Carry On


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ma che cosa gli vuoi dire ai Millencolin, che a 25 anni e più di carriera belli suonati, se ne escono ogni volta con un disco che è più che una garanzia?

Stavolta è il turno di “SOS”, nona fatica per Nikola Sarcevic e compagni, che arriva a 4 anni da quel “True Brew”, che ce li aveva riconsegnati in una forma smagliante, giusto in tempo per ribadire – dopo i dubbi sollevati da “Machine 15” – chi sono i capi del punk-rock tutto.

Un disco dai connotati politici e sociali, e forse per questo dall’atmosfera a tratti più pesante e rabbiosa che in passato, ma che non molla di un centimetro la caratteristica vena melodica degli svedesi, marchio di fabbrica assoluto reso ai massimi termini in più di un episodio ed esemplificata alla perfezione dalla tripletta iniziale da K.O. tecnico: se la title track sorprende per le sue sferzate alla Bad Religion e Nothing incorpora come di consueto un refrain travolgente e inimitabile, For Yesterday sfodera una una trama chitarristica che non lascia indifferenti per quanto è incisiva e intensa.

C’è qualche riempitivo di troppo – il pop-punk macchiato di alternative di Sour Days suona fuori luogo, così come l’anonima Yanny & Laurel con tanto di vocoder dai dubbi contorni – ma ci sono ancora tanti pezzi magistrali di classico punk-rock, su tutti le ustionanti Do You Want War, Carry On, Dramatic War e Let It Be, che non mostrano nemmeno un millimetro di stanchezza e fianco scoperto e si preparano a divenire ben presto dei classici del repertorio della band.

Difficile, inutile e irriverente pretendere originalità e chissà quale innovazione da chi ha scritto la storia del genere e non sembra aver la minima intenzione di smettere di regalare dischi convincenti e divertenti: i Millencolin sono una delle poche certezze della vita e “SOS” ne è una prova inconfutabile.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni