Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Sofy Major – Total Dump

2019 - Corpse Flower Records / Deadlight / Antenna Krzyku
noise core

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Total Dump
2. Giant Crush Crash
3. Cream It
4. The Jerk
5. Strike
6. Shiny Happy Asshole
7. Franky Butthole
8. Tumor-O-Rama
9. Kerosene Mike
10. Panamarama
11. The Longest Yard


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Senza infamia e senza lode, si potrebbe dire così del nuovo lavoro del power trio francese Sofy Major. “Total Dump“, questo il titolo del nuovo disco, è godibile e contiene brani con una buona dose di melodia e riff che ricordano molto band come Red Fang, Torche, Big Business o Whores, il tutto con l’aggiunta di un pizzico di grunge, ma non riuscendo a graffiare o a lasciare il segno. Il disco arriva a quasi quattro anni dal precedente “Wise“, che faceva presagire buone cose.

Il lavoro in cabina di regia è affidato ancora una volta a Dave Curran, bassista degli Unsane, ed infatti il suono che esce dalle casse è sostanzialmente quello: basso granitico e sempre in evidenza, chitarre non esageratamente cariche di distorsioni ma che non riescono a risultare abrasive o disturbanti, batteria sempre martellante e con il caratteristico suono secco del rullante. Il tiro, così come la grinta sono comunque presenti, ed è un requisito importante per un disco del genere. Tuttavia, potrebbe subito sorgere una domanda: perché non ascoltare direttamente un buon disco degli Unsane? Proprio questo è il problema: in un panorama come quello dell’alternative ”ibrido”, che richiama determinate sonorità del post-hc degli anni 90 ci sono già tanti gruppi, quindi per emergere bisognerebbe dare o un forte tocco di personalità al proprio sound, oppure scrivere pezzi che lascino maggiormente il segno.

Partendo dalla seconda considerazione, manca proprio un po’ di brillantezza nella scrittura, i brani si susseguono senza lasciare mai la zampata vincente od un sussulto e quando è così il rischio è che dopo tre o quattro pezzi ci si annoi. Quanto alla personalità, invece devo entrare nello specifico traccia per traccia; se la prima Total Dump ricorda tanto i Torche (così come la terza Cream It o Shiny Happy Asshole)in Giant Crash Crush e Strike sembra di sentire i Red Fang, così come The Jerk pare un pezzo uscito da un disco dei Big Business. Appena inizia Franky Butthole poi, con subito l’assolo di chitarra sgangherato e malinconico in primo piano è evidentissima l’influenza dei pluricitati Unsane, mentre ancora Kerosene Mike ha l’incedere pachidermico che richiama lo sludge dei Melvins.

Quello che voglio far intendere è appunto che manca quel giusto mix di legittima influenza, originalità e personalità che eviti che il tutto suoni troppo, davvero troppo già ascoltato o sentito, impedendo così ai Sofy Major di emergere dal marasma generale di band “alternative”. Ed è un peccato, perché le potenzialità ci sarebbero eccome, oltre al fatto poi che la band dal vivo sa decisamente farsi valere.

Se fossimo a scuola direi ai Sofy Major una delle classiche frasi di repertorio tanto amate dai professori e che rivolgono agli alunni che galleggiano: “Hai fatto il compitino, ma potresti applicarti di più!”

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni