Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Demikhov / Calf / Feedbacker – Split

2019 - Dischi Devastanti Sulla Faccia / Kontinget Records / Sweetohm Recordings
noise

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Demikohv
2. Calf
3. Feedbacker


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Lo split di Demikhov, Calf e Feedbacker è come l’allineamento di pianeti o una rara eclissi, solo che al posto degli astri ci sono onde quadre, volumi a cannone e improvvisazione pura. Per chi non conoscesse le band in questione deve sapere che si tratta di formazioni dedite al rumore come una sorta di religione. I nostrani Demikhov hanno già dimostrato di essere largamente degni di portare il vessillo del noise con il loro ottimo album di debutto “Experimental Transplantation of Vital Organs” uscito nel 2016 per Dio Drone e nel 2018 per Dischi Devastanti Sulla Faccia in formato tape.

I Feedbacker sono un duo basso/batteria dalla Bulgaria, in tour in Italia ed Europa in questi giorni, anche loro alfieri del noise rock più scarno e diretto. Viscerali, senza fronzoli con una voce a metà tra lo strafottente e il disperato, sono un mix letale di arroganza sonora. I Calf sono una cult band dalla Grecia, dedita al noise da oltre dieci anni, solenni, austeri e instancabili esploratori di frequenze, fondatori dell’etichetta indipendete Sweetohm recordings con la quale promuovono artisti greci e non, abbiamo approfondito la conoscenza di questa etichetta tramite un’intervista a Christos, chitarrista dei Calf, su Goldenground qui.

Veniamo ora a questo innominato cerbero a tre teste, tre tracce altrettanto innominate e innominabili una per band, tutto improvvisato, un unico take, solo noise. Si inizia coi Demikhov, i feedback la fanno da padrone assieme a alle grida lontane di qualche generale dell’URSS che esorta i suoi a proseguire la battaglia, bordate di onde quadre incontrollate interrotte solo da qualche frase di batteria che sembra quasi affogare nel rumore degli strumenti. Si continua coi Calf, posso solo dire che prima di sentire questa traccia pensavo di sapere cosa significasse la parola feedback, ora non ne sono poi così sicuro. Una potenza sonora e rumorosa mai sentita, frequenze taglienti come rasoi arrugginiti, un feedback così ricco di armoniche che sembra parlare, dei layer di rumore completamente dissonanti ma stranamente armonici, quasi terapeutici.

Lo split si chiude con una traccia di oltre venti minuti dei Feedbacker che risulta la più orecchiabile (badate che stiamo sempre parlando di harsh noise) del disco. La batteria accompagna le derive sonore del basso in modo calmo e costante, la voce fa capolino ogni tanto, graffiata, scontrosa e altera a dare alla traccia una convincente parvenza di canzone seppur sia totalmente improvvisata.

Uno split che consiglio a tutti gli appassionati di noise e di underground, musicalmente e umanamente è una collaborazione tra Italia Bulgaria e Grecia, tra le etichette Dischi Devastanti Sulla Faccia, Kontinget Records e Sweetohm Recordings. Sostenete l’undeground, sostenete il noise.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni