Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Mamiffer – The Brilliant Tabernacle

2019 - Sige Records
ambient

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. All That Is Beautiful
2. River of Light
3. So That The Heart May Be Know
4. Two Hands Together
5. To Receive
6. Hymn of Eros
7. To Be Seen


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Mamiffer è sempre stato sinonimo di sperimentazione, atmosfera e oscurità che si insinua nelle ossa come il freddo umido invernale. Faith Coloccia e Aaron Turner con questo nuovo “The Brilliant Tabernacle” confermano un’innata inclinazione verso la sperimentazione tuttavia i toni sono leggermente diversi dal solito, sembra che sia entrato uno spiraglio di luce nella fitta e impenetrabile foresta di rumori a cui siamo stati abituati. Molto pianoforte in questo disco, molti momenti di rilassatezza quasi di contemplazione, si percepisce una strana pace, sensazione abbastanza inedita per il progetto.

Si potrebbe ricollegare questo cambio di mood alla vita privata di Faith e Aaron, che hanno di recente avuto l’esperienza di diventare genitori. Tuttavia, al di là delle motivazioni personali che ci è solo dato supporre, sono contento che questa metamorfosi sia avvenuta. “The Brilliant Tabernacle” è uno splendido sfondo per riorganizzare i pensieri, calmare le ansie ed eliminare lo stress e la rigidità che ogni giorno il quotidiano ci inocula. Un vero toccasana per lo spirito.

Sembra quasi che Faith e Aaron siano ora in grado di domare gli slanci di furia noise e sperimentale degli inizi per produrre questo vortice di suoni che porta come messaggio una grande e ritrovata positività. Seguire il percorso dei Mamiffer è come intraprendere noi stessi un percorso, arrivanti a questo nuovo traguardo non possiamo fare altro che ammirare questo nuovo magnifico mood espresso in “The Brilliant Tabernacle lasciarci trasportare dai suoi suadenti layer sonori.

Un disco positivo sì, ma non semplice, gli strumenti si incrociano in modi anche inusuali, tra field recordings, sintentizzatori, flauti e pianoforti, i Mamiffer dipingono una ambientazione magica, quasi di scoperta, come se fossimo i primi uomini ad entrare in una grotta di stalattiti, sopraffatti dall’emozione di una nuova scoperta ci soffermiamo a osservare le maestose volte di roccia e i dettagli certosini sulla roccia scolpita lentamente dalle gocce d’acqua nell’arco di milioni di anni. 

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni