Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Vitor Joaquim – Nothingness

2019 - Own Release
ambient / drone

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Away 
2. Here
3. There
4. Everywhere
5. Where 
6. Elsewhere 
7. Nowhere

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Se vi siete persi i capitoli precedenti, è bene specificare che, prima di questa uscita dal titolo “Nothingness“, Vitor Joaquim aveva pubblicato l’album “Impermanence“. Concettualmente questo nulla di cui sopra è proprio il dovuto seguito di quella precedente impermanenza. Che cosa rimane dopo la caducità delle cose? La risposta sembra ovvia: data l’impermanenza delle cose, la loro fugacità, dopo rimane il nulla. Solo nel qui ed ora possiamo trovare la felicità. Questo è il cappello per comprendere meglio il messaggio del compositore portoghese, sperimentatore del laptop e della computer music.

Il sound design di questo splendido lavoro riesce a toccare molti generi: l’ambient innanzitutto, ma anche l’astrattismo, e come fondo il calore del dub (sia nel senso della parola stessa, lo spirito con cui il dub nacque, che come sound). Da sottotracce nascono le tracce, è in questa specie di doppio fondo che si trova la (non) culla da cui scaturiscono i flussi emozionali di Joaquim. Se nell’ascoltare questo “Nothingness” vi venissero in mente i primi lavori di Oval, anzi, nello specifico dischi come “Systemisch“, allora siete sulla buona strada, perché proprio da quel guazzabuglio glitch si erge un’entità di tipo corale che mostra quanto il suono intervenga anzitutto sul risultato che chiamiamo musica (come il caso del pezzo There, dove la ripetizione/interruzione crea un controcanto continuo ad altri eventi sonori all’interno del solco, o come Everywhere, il coro è già una distorsione del coro, una specie di voce blues, un lamento in stretch, ovattato a basse frequenze: calore e lontananza).

Dall’impermanenza, che è poi sinonimo del divenire, ovvero della negazione della stasi, otteniamo questo nulla (sinonimo di evanescenza, piuttosto che di vuoto, di potenziale nullità, caducità che può sprofondare in altro da sé, ovvero in nulla di ciò che era prima), in questo eterno circolo in movimento a spirale. Per cui, è una continua elevazione, un innalzarsi sempre di più, slacciandosi dai legami della sua origine per poter innalzarsi a vele spiegate manifestando la sua natura Altra.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni