Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Deacon Blue – City Of Love

2020 - earMusic
rock / pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. City Of Love
2. Hit Me Where It Hurts
3. Weight Of The World
4. Take Me
5. In Our Room
6. Intervals
7. Keeping My Faith Alive
8. A Walk In The Woods
9. Come On In
10. Wonderful
11. On Love


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Cosa fai quando fuori non ci puoi proprio stare e invece senti il bisogno di allontanarti delle mura di una casa che per quanto sia la tua certi giorni ti toglie il fiato? La risposta è semplice, unica direi, a detta di chi scrive. Ascolti musica. Scopri la musica, anche quella a cui eri un po’ restia a cui forse non ti avvicinavi solo per scetticismo. E cosa succede? Che poi proprio quello che non pensavi potesse “sorprenderti” lo fa in maniera inaspettata e ti regala qualche ora di evasione per portarti nella città dell’amore.

Così, in un pomeriggio di metà marzo io ho scoperto i Deacon Blue e loro hanno conquistato un posto tra i “preferiti” nella mia personale playlist di Spotify.

Gli scozzesi Deacon Blue, il cui nome si rifà al brano Deacon Blues degli “Steely Dan”, si formano nel 1985, percorrono 35 anni di musica e di storia della musica. Il loro rock, con evidenti note di new romantic, si fa spazio nel panorama musicale inglese e non solo, e se solo oggi io ne scopro le sonorità probabilmente loro, il loro lavoro lo fanno egregiamente.

Con “City Of Love” i “ragazzi” scozzesi percorrono attraverso 11 brani sensazioni di speranza e nostalgia che, guidati da chitarre e piano, si alternano e creano una linea sonora continua su cui con eleganza le voci di Ricky Ross e Lorraine McIntosh raccontano della ” prevalenza della speranza anche negli angoli di una piccola città dove non cade la luce”.

Il loro nono album si apre con City of Love il cui intro è scandito da un piano “silenzioso” che lascia spazio ad un cambio di scena, come se un sipario si aprisse all’improvviso per svelare i contorni di una città che vive di amore e di ogni sentimento collaterale all’amore.

Hit me where hurts – colpiscimi dove fa male – leggermente più lenta e guidata dal pianoforte è un trionfo di musica che a discapito del titolo si presenta in tutta la sua forza come a volerci dire che, nonostante alcune volte o forse sempre l’amore colpisce proprio dove fa più male, capita che basta un bacio per rovinare tutti i nostri piani e forse renderli migliori “Your kiss came crashing throug This night has made it wors And now all my plans lie ruined”.

Wonderful ricorda quei suoni folk che riecheggiano in tutto l’album spezzati da suoni decisi e dalle voci di Ricky e Lorraine che sembrano condurci, alla fine di questo viaggio nella città dell’amore, dove ogni strada percorsa ci porta dove abbiamo lasciato il cuore ed a chi abbiamo lasciato il cuore.

Times when I tried something to prove I don’t need you, but every road that I crawled only led me to you.

Ross, Prime, McIntosh, Vipond, Philp e Gordon concludono “City of Love” con On Love, una narrazione perfetta per un album che descrive la bellezza nascosta di una città intrisa di amore, speranza e sogni soprattutto quando sappiamo di non poter descrivere tutti inostri sentimenti e allora lasciamo che sia la musica a farlo per noi, “I never got to talk everything out but I’m still two songs away from your house”.

I Deacon Blue si sono presentati a me con “City of Love” ed io della loro città mi sono innamorata, sono certa che per i fan di sempre, e non per i diffidenti come, questa nuova produzione sia una conferma ed una rassicurazione che Ross & co. invecchiano si, ma lo fanno con eleganza e leggerezza.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni