Impatto Sonoro
Menu

Speciali

I mille volti del Maestro: una playlist morriconiana

Quante parole sono già state spese e quante se ne spenderanno per quell’astro imponente che è stato (e sempre sarà) Ennio Morricone. Tante, mai abbastanza. Forse vorrei farlo anche io, ma avrebbe senso? Credo di no.

A parlare più forte di qualsiasi altra cosa, dell’umano, del Maestro, è la musica che ha regalato a noi spettatori, ascoltatori, ai registi e a una marea di artisti che da Lui hanno imparato tanto, direttamente e non. Perciò l’unica cosa che si possa fare, tra le tante, è ricordarlo attraverso non solo la musica da Lui composta, ma anche quella da Lui suonata, da Altri reinterpretata, a cui questi Altri si sono ispirati, e via così, fino alla fine dei tempi.

Non una “popstar” (virgolette o no, ma quando mai?), non un’icona, solo un uomo con la sua penna, il suo spartito, la sua bacchetta e, a volte, anche la sua tromba.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati