Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Bruce Springsteen – Letter To You

2020 - Columbia / Sony
rock / songwriting

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. One Minute You’re Here
2. Letter To You
3. Burnin’ Train
4. Janey Needs A Shooter
5. Last Man Standing
6. The Power Of Prayer
7. House Of A Thousand Guitars
8. Rainmaker
9. If I Was The Priest
10. Ghosts
11. Song For Orphans
12. I’ll See You In My Dreams


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Nel mondo esistono due tipi di persone, quelle che amano Bruce Springsteen e quelle che ancora non lo conoscono. Springsteen è un po’ tutto: cantante rock, poeta di strada, intrattenitore, ballerino, attore, frontman, chitarrista eccezionale, interprete straordinario nonché bravissimo compositore di musica rock.

Lo scorso anno è stato pubblicato “Western Stars” (disco di Platino in Italia), il primo album in studio a cinque anni di distanza dal precedente realizzato insieme al suo collaboratore di lunga data Thom Zimny.

Letter To You” esce finalmente il 23 ottobre e contiene dodici tracce: nove brani scritti recentemente dal cantautore statunitense e tre leggendarie composizioni degli anni ’70 finora inedite: Janey Needs A Shooter, If I Was the Priest e Song For Orphans.Letter To You” è un disco classic rock, caratterizzato dall’inconfondibile sound della E Street Band, e registrato nella casa dell’artista 71enne nel New Jersey. “Volevo un suono che fosse solo la band di base: tastiere, chitarre, basso, batteria. Volevo solo il suono grezzo della band.” ha asserito il cantante. Insieme al musicista hanno lavorato a questo progetto Roy Bittan, Nils Lofgren, Patti Scialfa, Garry Tallent, Stevie Van Zandt, Max Weinberg, Charlie Giordano e Jake Clemons. L’album è stato prodotto da Ron Aniello insieme al Boss. Il mixaggio è stato curato da Bob Clearmountain mentre Bob Ludwig si è occupato del mastering.

Amo l’essenza quasi commovente di Letter To You‘”, ha dichiarato Springsteen, “E amo il sound della E Street Band che suona completamente live in studio, in un modo che non avevamo quasi mai fatto prima, senza nessuna sovraincisione. Abbiamo realizzato l’album in soli cinque giorni, e quella che ne è venuta fuori è una delle più belle esperienze di registrazione che io abbia mai vissuto”.

È l’intensa traccia One Minute You’re Here ad aprire le danze. La title track Letter to You (“Tried to summon all that my heart finds true/And send it in my letter to you”) e l’orecchiabile Ghosts che racconta cosa si prova quando si perde qualcuno a causa di una malattia o del tempo sono entrambi ottimi brani. Springsteen ha trascorso la sua lunga carriera a comunicare e creare connessioni attraverso il potere della canzone. Questa è la sua magia.

Burnin’ Train è convincente, ma il cuore pulsa per il pezzo, davvero bello, intitolato Janey Needs A Shooter. Se da una parte il brano Last Man Standing rievoca sentimenti del passato dall’altra spunta la speranzosa House Of A Thousand Guitars (“So we can shake off your troubles my friend/We’ll go where the music never ends”). Il trionfo di questo lavoro è dovuto all’inclusione del trio di canzoni:  Janey Needs A Shooter, If I Was the Priest e Song For Orphans componimenti che furono scritti prima dell’uscita del suo debutto, “Greetings From Asbury Park, NJ” pubblicato nel 1973. In “Letter To You” c’è onestà, crudezza e senso di spiritualità.

La pandemia ha bloccato i concerti e tutti sono tristi per questo, sia i fan che gli artisti. Per chi ha pubblicato un nuovo album è ancora più difficile accettare il fatto di non poterlo presentare al proprio pubblico con un tour. Nel caso del Boss il rammarico è particolarmente grande considerando il fatto che questo disco segna per lui un traguardo importante perché “Letter To You” è la sua ventesima fatica. L’ascolto è emozionante, una celebrazione della musica dal vivo in attesa di essere vissuta di nuovo.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni