Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Sonic Flower – Rides Again

2021 - Heavy Psych Sound
stoner rock / psych

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Super Witch 
2. Black Sheep
3. Jungle Cruise 
4. Captain Frost 
5. Stay Away (Meters cover) 
6. Quicksand Planet 
7. Earthquake (Graham Central Station cover )


Web

Sito Ufficiale
Facebook

In un lontano e remoto passato, quando ancora si poteva andare ai concerti in qualsiasi città e stato e l’unico controllo che dovevi passare era quello dello zaino, per evitare di portare alcool a scrocco, mi trovavo a Monaco al Keep It Low Festival. Capelli lunghi, jeans neri, stivaloni, erba e tanta tanta musica.

Lì, ho visto dal vivo per la prima volta i Church of Misery, i Japanese princes of darkness, potenti riff doom che ti fanno vibrare anche i peli delle ascelle. Quello che li contraddistingue è la vibes rock anni ‘60 (stile Blue Öyster Cult, May Blitz) che implode. Sì, perchè una grande influenza sul bassista e nonché fondatore Tatsu Mikami è il rock anni 60-70. Questa sua doppia passione per il doom metal e il blues heavy rock lo ha portato nel 2001 ha formare, con un pizzico di Funky, i Sonic Flower, side project dei Church, che adesso vede Takenori Hoshi alla chitarra, assieme alla chitarrista Arisa e alla batterista Keisuke Fukawa.

Nel 2003 fecero uscire il primo album omonimo e poi nel 2005, registrarono proprio “Rides Again”,ma poi qualcosa non andava e allora decisero di sciogliersi. Sarà solo nel 2018 che Tatsu decide di rimettere insieme la band, anche perché ha un botto di nuove canzoni e non vede l’ora di suonarle. E poi arriviamo noi nel 2021,ad ascoltare, con lo stereo al massimo, il disco tenuto ben al sicuro in cassaforte per  sedici anni e che dimostra solo alcuni giorni!

Super Witch è potente e graffiante. La chitarra si distingue per i suoi arpeggi su una batteria carica, per poi arrivare ad affondare nel basso. Black Sheep è ruvida, pungente, il wah wah fa strillare la chitarra e il ritmo ti prende subito, vedo già un’onda di capelli sciolti e fluenti fare headbanging. Jungle Cruise inizia con una reprise del finale di Black Sheep, in stile Soul Sacrifice di Santana, mandriani fanno correre cavalli, come nel vecchio West, fischi e voci accompagnate da bonghi, che aizzano alla corsa si infilano tra il rullante creando un effetto di immersione quasi psichedelica totale, ci manca poco che inizi a correre. 

In Captain Frost c’è tutta l’energia della band, ogni colpo di batteria, ogni riff di basso, ogni accordo di chitarra è calibrato, ma vigoroso. Assolino di chitarra, fantastico! Vibra tutto, perché comunque Tatsu ci mette sempre un po’ di tocco doom! Stay Away (cover dei Meters dall’album del 1972 “Cabbage Alley”) il pezzo originale è funky puro e i Sonic Flower l’hanno interpretata al meglio. Ad una certa ci sono anche le tastiere, la chitarra psichedelica, la batteria folgorante e il basso prepotente però la rendono un trip da fare. Quicksand Planet entra invece diretta, senza troppi giri ti assale e ti fa formicolare le orecchie da quanto è acida. (mini) Assolo di basso, che figata! Da quanto non ne sentivo uno. 

L’album si chiude con Earthquake (cover dei Graham Central Station dall’album del 1977 Now Do-U-Wanta Dance), nell’originale c’è il rumbling basso in apertura, spaziale, in questa versione invece si apre con un climax di basso, chitarra e batteria che non molla un ca**o. Nel senso che fino all’ultimo secondo dei quattro minuti e ventisei si rimane con il fiato sospeso.

Un album incredibilmente attuale e pieno di energia da ascoltare come si beve una tequila sale limone! Tastu dice che ne hanno uno nuovo quasi pronto all’uscita, non aspettiamo altro. Gimme more of Sonic Flower!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni