Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Alice Cooper – Detroit Stories

2021 - earMusic
hard rock / heavy metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Rock ‘n’ Roll
2. Go Man Go (Album Version)
3. Our Love Will Change The World
4. Social Debris
5. $1000 High Heel Shoes
6. Hail Mary
7. Detroit City 2021 (Album Version)
8. Drunk And In Love
9. Independence Dave
10. I Hate You
11. Wonderful World
12. Sister Anne (Album Version)
13. Hanging On By A Thread (Don’t Give Up)
14. Shut Up And Rock
15. East Side Story (Album Version)


Web

Sito Ufficiale
Facebook

In un 2021 dove il cosmo musicale tenta sempre di trovare nuovi fantasiosi modi per “andare avanti” e uscire dall’asfissia creativa degli ultimi anni, Alice Cooper continua ad essere, scientemente, l’uomo controcorrente. Così la stravagante rock star torna sulle scene con un album che, in linea con il percorso creativo ormai da anni avviato, assume le forme di una DeLorean che ci catapulta in quel mondo musicale “classico” che lo ha plasmato e cresciuto. 

Così con “Detroit Stories” l’ormai 73enne Alice Cooper torna sulle scene per narrare ai suoi ascoltatori i suoi due grandi amori del passato: la città che gli ha dato i natali e cresciuto e la musica che l’ha plasmato e reso l’artista che oggi tutti conoscono e in molti apprezzano. Un album, “Detroit Stories“, che in tutto e per tutto riesce a colpire nel segno, a centrare i suoi obiettivi. 

Quello di “Detroit Stories” è un grezzo e privo di fronzoli rock classico che sembra cucirsi in maniera adeguata sulla narrazione della città delle automobili: una città dura, una città fatta di lavori pesanti, sobborghi violenti, una città che non lascia scampo a debolezze e che cresce i suoi figli a suon di pugni, pallottole, scocche e bulloni. 

Il “rugoso” rock di “Detroit Stories” abbraccia, con Alice Cooper, le più disparate forme del rock classico ormai padre dei nostri padri e progenitore della musica contemporanea. Dal verace hard rock della cover Rock n’Roll e di Social Debries, passando per la frizzante e quasi “Beatlesiana” Our Love Will Change The World. Dalle sporche e punkeggiante Go Man Go e I Hate You alla più blues, intima e malinconica Drunk and In love, con un “Detroit Stories” diviso tra pezzi inediti, rifacimenti del passato e cover, Alice Cooper ci porta in un viaggio di scoperta e riscoperta della musica che ha fatto la storia senza però fallire nella “personalità”. Il tocco di Cooper rimane, infatti, inconfondibile ed aggiunge a ciascun pezzo, anche grazie alla sapiente produzione di Bob Ezrin, quella freschezza in grado di rendere ancora più godibile un lavoro che, nel 2021, non può far altro che suonare tremendamente anacronistico. 

Quello di “Detroit Stories” è un “mostro a più teste”, un’amorosa antologia della musica del passato stesa a mò di inno d’amore nei confronti di una città che, grazie alla narrativa dell’artista di Detroit, diviene più rock che mai. Alice Cooper si conferma un’artista longevo, in grado di riuscire a mostrare con coraggio la sua vera natura anche in tempi dove, quella natura, sembra ormai esclusiva di nicchia dei più appassionati e amanti del genere.

E sono proprio questi ultimi, infatti, coloro che beneficeranno maggiormente dall’ascolto dell’ultima opera di Cooper, proiettandosi in un energico viaggio nel passato in grado di ricordare ciò che è stato e ciò che si è amato. Nulla di nuovo, quindi, sotto al sole della musica rock nel 2021. Il solito Alice Cooper, però, fa quello che da anni sa fare meglio e, anche senza portare nulla di nuovo o notevole al mondo della musica, lo fa bene.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni