Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Teleterna – Teleterna

2021 - To Lose La Track
punk / wave

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Zapoj
2. Psicosetta
3. San Zuene
4. Salad Baba
5. Civitella
6. Notte profonda
7. Bava Tossica
8. Colli assassini
9. El candelabro


Web

Sito Ufficiale
Facebook

I Teleterna sono un duo musicale, formato da Tommaso e Axel. Entrambi hanno condiviso per anni l’esperienza coi Dummo (non Dumbo!) e hanno da pochissimo pubblicato il loro disco di esordio per To Lose La Track. Anni vivaci, frenetici, nei quali usciva un disco nuovo a settimana e nei quali si andava ai concerti ogni weekend. Volevo ascoltare quindi questo “Teleterna” come se fosse un disco capace di risvegliarmi, un lavoro che infonde speranza. E invece no. Sono stato ingenuo. Perché il punk rock è fatto così, soprattutto se viene suonato da gente come loro, come Axel e Tommaso. Ti esula da incarichi, ma alla fine, la botta arriva: non può essere tutto sempre perfetto. 

Queste nove tracce, infatti, sono malinconiche e caustiche come un racconto di Mary Robison, suonano dritte come una finale degli Interpol, lasciando poco spazio a distorsioni e sperimentazioni. La ricchezza del debutto dei Teleterna, quindi, sta proprio qui: pensavamo che il post-rock in Italia fosse ormai arrivato ad un languido torpore di idee e lineamenti, e invece ecco i cambi di ritmo di Bava tossica, le linee squadrate di Colli assassini le minimali distorsioni di San Zuene, celate parzialmente dall’attitudine indie delle prime due canzoni del disco, intitolate Zapoj e Psicosetta. Il brano più sconcertante è, però, sicuramente Civitella, capace di passare da fasi di stallo alla Texas Is The Reason al pop con una facilità disarmante.

“Teleterna” inizia con queste precise parole: “Ci hanno cacciato dal bar”. Vogliamo ripeterci a far chiusura, a star vicini agli amici che suonano e a far loro foto tutte uguali. Vogliamo ascoltare dischi con la cover che sia un acquerello che infonda timore, qualcosa di occulto ed inafferrabile.

Stiamo tornando. Non tanto in forma e con qualche eccesso di malinconia in più, ma stiamo tornando. E abbiamo ben chiara la colonna sonora delle nostre azioni.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni