Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Part Chimp – Drool

2021 - Wrong Speed Records / Learning Curve
noise rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Back From The Dead
2. Wallow
3. One In The Eye
4. Clever
5. Timbolina
6. Drool
7 . Up With Notes
8. Howboutakiss
9. Dirty Bird
10. It’s True, Man
11. Usisa
12. Worms


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Il progetto Part Chimp nasce a Camberwell, un piccolo paese a sud di Londra. Forte di un ricco bagaglio culturale, la band crea un movimento devastante che scuote il sottosuolo con un energia disarmante. Le sonorità dure e martellanti che prendono vita all’interno delle canzoni dei Part Chimp dilaniano l’atmosfera in modo impeccabile. Con il loro grande album d’esordio “Chart Pimp” del 2003 i nostri si sono ritagliati il giusto spazio all’interno della indipendente del Regno Unito, portando alla luce un sound violento con tematiche importanti, vicine allo sludge metal e a tratti al noise rock.

Con questa quinta opera in studio intitolata “Drool”, licenziata da due label di spessore come la Wrong Speed Records e la Learning Curve, la band londinese si conferma a livelli superiori, spostando la propria visione oscura in una realtà più melodica, che va oltre i muri estremi di amplificatori distorti e dissonanti. L’insieme del disco tocca i passaggi deliranti e distopici dei Melvins fino ad arrivare a sonorità che stordiscono l’ascoltatore trasportandolo in paesaggi soffocati dalla solita routine quotidiana.

Troviamo subito l’apertura meticolosa di Back From The Dead, che con il suo tappeto aggressivo di chitarre, avvolge la linea vocale acida e l’assolo ruvido nel finale. Segue l’adrenalina di Wallow e il passaggio complesso della ritmica, che innalza un polverone incredibile carico di melodie ricercate. One In The Eye sposta invece le sonorità in qualcosa di monotono, su una voce che sembra quasi stanca di questa vita. Nel bridge l’esplosione lascia una scossa notevole sulla pelle che si spegne nel panico del finale.

Nel riff pesante di Clever andiamo indietro nel tempo riportandoci sulle sonorità dei primi lavori dei Part Chimp: è un lungo viaggio dormiente lungo le strade spoglie di un ambiente desolato. In questo brano troviamo molte influenze della scena crossover americana in perfetto stile Vision of Disorder. Nella title-track, nonché ultimo singolo rilasciato da poco, il tiro preciso e melodico della band abbandona di poco la potenza estrema del passato e solo nel finale il fuzz enorme fa capolino come una strana presenza.

Up With Notes invece si accende sui colpi di una batteria spedita e incendiaria, soffermando la riflessione musicale su una tematica stoner. Nel ritornello le urla granitiche del vocalist Tim Cedar si infrangono sui cambi di tempo tipici del doom metal. Una composizione diretta e pazzesca. Verso la fine ci soffermiamo sulla delicata Dirty Bird che con il suo incedere narra di una marcia funebre a tinte grunge. It’s True, Man è invece uno dei brani più duri e martellanti di questo lavoro, il suo vortice estremo ci porta in una parte quasi hardcore e le infinite vibrazioni si collegano alla seguente Usisa, un’ennesima composizione che sprigiona odio immenso e melodie contagiose. Chiudiamo questa lunga fatica con Worms e i suoi fantasmi che si risvegliano dal sottosuolo con una violenza incredibile, una degna chiusura di un lavoro profondo e intenso.

Drool” è una bomba delirante che rompe tutti gli schemi: in ogni lavoro dei Part Chimp si ha sempre la sensazione di ritrovarsi intrappolati nel caos totale che distrugge qualsiasi ostacolo e anche qui veniamo spiazzati dalla bellezza.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni