Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Qlowski – Quale Futuro?

2021 - Maple Death Records
punk / new wave / alternative rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Ikea Youth Pt. 2
2. Folk Song
3. A Woman
4. Lentil Soup
5. To Be True
6. All Good
7. Interlude (2/11/1975)
8. Lotta continua
9. Larry’s Hair Everywhere
10. The Wanderer


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ed è con una domanda estremamente evocativa, attuale, quasi da provocazione, che la band italo-inglese dei Qlowski ha deciso di pubblicare il suo ultimo lavoro, “Quale futuro?“, il primo album della loro carriera dopo i due EP precedentemente pubblicati nel 2018 e nel 2016.

L’internazionalità della band, composta da Michele Tellarini (chitarra, tastiere, voce), Cecilia Corapi (voce, tastiere), Danny Smart (basso, clarinetto) e Christian Billard (percussioni), è da sempre insita nella loro essenza; dal suono, decisamente vicino alla new wave e al garage rock inglese e a grandi nomi essenziali come The Clash, David Bowie, The Cure, alla loro vita, divisa tra Londra e Bologna. Il nome, per quanti se lo staranno chiedendo, non ha nessun significato in particolare e gli stessi membri pensavano di sostituirlo. Nato da un semplice gioco di parole è diventato successivamente il marchio insostituibile della loro alternatività.

La ricerca sonora e la voglia di scavare a fondo nella propria creatività è estremamente presente, “Quale futuro?” alza decisamente l’asticella, unendo suoni aggressivi tipici del punk all’eleganza e alla raffinatezza degli elementi elettronici più vicini alla new wave anni ’80, con le voci di Michele e Cecilia che si alternano e si incontrano traccia dopo traccia, tra rabbia e delicatezza, da una parte il tono grave, profondo e “smarrito” di lui, delicata e soave per lei. Dal primo lavoro in studio pubblicato nel 2016, dal semplice titolo “Ep”, la band sembra aver amalgamato i ruggiti di un suono da garage rock band con scelte più alternative rock e new wave, senza abbandonare per questo la propria attitudine delle origini ma attuando casomai un processo di “definizione” della propria musica, dimostrando saggezza fin dal primo lavoro,

I singoli rilasciati fino ad ora, Ikea Youth, A Woman, Lotta continua e Folk Song sono degli ottimi pezzi e fanno quasi da manifesto alle sonorità dell’album ma è proprio ascoltandolo nella sua interezza che gli ascoltatori s’immergeranno nel mondo personale e intimo dei nostri beniamini; dal ritmo potente e scattante di The Wanderer, alla caoticità sapientemente arrangiata in To Be True, al semplice quanto grande momento strumentale di Interlude (2/11/1975) il quartetto sa sorprendere l’ascoltatore alternando tracce più elaborate e con sorprendenti atmosfere a brani scattanti e moderatamente più omogenei.

In conclusione possiamo affermare che le premesse per nuovi ed interessanti episodi futuri ci sono tutti. Per adesso speriamo che queste timide riaperture estive portino sui palchi, anche italiani, i Qlowski e i brani di “Quale futuro?

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni