Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Jim Ward – Daggers

2021 - Dine Alone Records
alternative rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Day By Day
2. Blink Twice
3. Electric Life
4. Paper Fish
5. I Got A Secret (feat. Shawna Potter)
6. Keep On Failure
7. Polygraph (Attack)
8. Foreign Currency
9. Safe Pair Of Hands
10. King YourSelf


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Dalle ceneri di Sparta e At the Drive-In, il frontman Jim Ward, fondatore di questi due progetti storici, ritorna alla sua carriera come solista e dopo dieci anni dall’album di debutto “Quiet In The Valley, On the Shores The End Begins” torna sulle scene con questo sorprendente “Daggers“, registrato e prodotto interamente a distanza, a causa del duro periodo d’emergenza dovuto alla pandemia.

Nel disco troviamo la collaborazione di due musicisti di spessore, come Ben Kenney degli Incubus e Tucker Rule, batterista dei Thursday, per una miscela sognante a tinte indie di grande fattura. L’album viene anticipato dal singolo Paper Fish che completa un puzzle melodico e ricercato su di una struttura notevole e malinconica che attraversa tutta la vita del musicista, per un viaggio incredibile e unico. La chitarra sensibile dell’intro apre un percorso struggente che ha le sue basi sulla danza precisa della batteria e sulla linea vocale a tratti indie pop. Una hit da radio, che scorre in maniera impeccabile.

Ma seguiamo il giusto ordine con il brano di apertura Day By Day che si apre su orizzonti malinconici a tratti vintage: la sua struttura scorre su un giro di chitarra acustico e su di una linea vocale amplificata che accelera nel finale su un timbro punk rock stile Rise Against. Segue la distorsione ovattata di Blink Twice su un tiro magnetico e corposo del basso, che si cimenta su una struttura ruvida. Qui Jim mette in risalto il suo stile vocale, con una melodia stupenda della voce urla al mondo intero un inno di libertà. Electric Life si sposta invece su un ambiente più personale, impreziosito dal tempo spedito della batteria e dal bridge delizioso che colora l’atmosfera su parabole incredibili. Nel cambio finale torniamo alle origini dell’artista con sonorità sensibili e ricercate.

Sulla composizione I Got A Secret il riff è martellante e si spinge su una distorsione veloce e aggressiva. All’interno del brano troviamo una collaborazione eccellente con la vocalist incendiaria Shawna Potter, che sprigiona tutta la sua rabbia in modo notevole. Keep On Failure risveglia le emozioni sognanti dal profondo del cuore: è una traccia precisa, che raccoglie tutti i sentimenti struggenti del passato. Poi su Polygraph (Attack) prendono vita i riff graffianti e una linea di chitarra più leggera,che si incastra al delay e a un synth sospeso nel sottofondo. Verso la chiusura troviamo un altro brano interessante, dal timbro più commerciale: Foreign Currency narra un percorso fatto di speranza immerso in un sound fresco e originale. Chiudiamo con le tematiche delicate di Safe Pair Of Hands una ballata carica di energia da ascoltare ad occhi chiusi, uno dei brani più riusciti di questo lavoro. Il disco si chiude con King YourSelf e il suo arpeggio contagioso.

Con “Daggers Jim Ward lascia un’impronta definitiva sul suo viaggio da solista, è un disco ricco di spunti notevoli e con una grande qualità sonora nei suoi diversi stili musicali. Con attenzione si passa dall’alternative rock fino al post hardcore, lasciando un ampio spazio a strutture dolci e rilassanti per un risultato orecchiabile.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni