Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Frank Carter & The Rattlesnakes – Sticky

2021 - AWAL
alternative rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Sticky
2. Cupid’s Arrow
3. Bang Bang (feat. Lynks)
4. Take It To The Brink
5. My Town (feat. Joe Talbot)
6. Go Get A Tattoo (feat. Lynks)
7. Off With His Head (feat. Cassyette)
8. Cobra Queen
9. Rat Race
10. Original Sin (feat. Bobby Gillespie)


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sono già passati due anni e quei pazzi scatenati di Frank e Dean ritornano a martellarci i timpani, ma sempre con moderazione. Non fatevi ingannare, non si giudica un disco dalla copertina. Se “Sticky” appare questa volta un po’ cartoonesco, allora voi ascoltatori dovete fare qualche passo indietro. Carter e il suo compagno di band, il chitarrista Dean Richardson, in questo album cercano di catturare quel respiro di abbandono.

Sticky” è un lavoro che scaraventa all’aria tutto quello che il 2020 è stato, un album alla quale Frank dice “non è un disco di blocco” ma “un disco di libertà“. Laddove i precedenti album dei Rattlesnakes esploravano la salute mentale e la mascolinità tossica, “Sticky” è un rilascio di pressione: sciolto e spontaneo, attingendo a quell’inclinazione che avevamo tutti alla fine del Lockdown per poi ripartire. Il disco presenta anche degli ospiti di tutto rispetto, Joe Talbot degli Idles, giusto per citarne qualcuno.

Quest’ultima opera rimane fortemente nella vena del loro stile consolidato, che fonde insieme filoni fusi di punk, hardcore e rock. Questa combinazione classica è ulteriormente compensata da ispirazioni tratte sia dalla musica pop che da quella elettronica. Il risultato finale è un album divertente e frenetico, e il duo creativo Carter e Dean Richardson, forniscono in “Sticky” tutto il meglio sia della musicalità che del piacere sonoro, catturando le deliziose capacità compositive e il  talento degli ospiti. Si passa dalla profondità in Take It To The Brink alla padronanza artistica in My Town, a ritmi festaioli nella title track, ad arrangiamenti sludge rock in Cupid’s Arrow.

Insomma, in breve, tutto l’album musicalmente appare proprio come la copertina alla fine, tante cose messe a caso, ma non vuol dire che tutto ciò è scoordinato, anzi. Un disco che sicuramente appaga di tutte le sensazioni che nel 2020 avevamo perso, uno stile di rock moderno molto frizzante, ma che va a strizzare l’occhio a tutte le scuole hard 70’s, 80’s e 90’s. Se il rock è libertà, “Sticky descrive proprio questo.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni