Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Trivium – In The Court Of The Dragon

2021 - Roadrunner Records
thrash metal / metalcore

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. X
2. In The Court Of The Dragon
3. Like A Sword Over Damocles
4. Feast Of Fire
5. A Crisis Of Revelation
6. The Shadow Of The Abattoir
7. No Way Back Just Through
8. Fall Into Your Hands
9. From Dawn To Decadence
10. The Phalanx


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Appena un anno dopo la pubblicazione di “What The Dead Men Say”, tornano a farsi sentire i Trivium. Gli interminabili mesi di lockdown provocati dalla pandemia, insieme alle varie restrizioni che gli hanno impedito di promuovere dal vivo la precedente uscita, hanno spronato la band statunitense a darsi anima e corpo a un nuovo disco scritto e registrato quasi per caso, nelle giornate più intense e tragiche di un periodo storico a dir poco nero e drammatico.

La sfiducia nel futuro, fortunatamente, non ha buttato giù di morale Matt Heafy e compagni, che hanno stretto i denti e affrontato la sfida trattandola come un’opportunità di crescita. Il risultato del duro lavoro condotto assieme al produttore Josh Wilbur non delude in alcun modo le aspettative. “In The Court Of The Dragon” riesce a far meglio del suo già validissimo predecessore e conferma lo stato di grazia del quartetto di Orlando, che suona più incendiario e compatto adesso rispetto agli ormai lontani tempi degli esordi, quando la stampa di settore si sperticava nel lodarli e presentarli come la next big thing dell’heavy metal.

I Trivium targati 2021 sono una macchina da guerra priva di imperfezioni che avanza imperterrita e sicura lungo il sentiero della musica pesante, sfoggiando un impressionante bagaglio tecnico e una quantità considerevole di idee fresche. Il gruppo continua a non suonare mai davvero originale ma, forte delle esperienze raccolte in due decenni abbondanti di carriera, nasconde le piccole debolezze ancora presenti sotto tonnellate di riff assassini, assoli esaltanti, sapori sinfonici e melodie coinvolgenti, protagoniste incontrastate di ritornelli scritti ad arte per fissarsi in testa sin dal primissimo ascolto.

La copertina di “In The Court Of The Dragon” parla chiaro: i Trivium sono qui per far le cose in grande. L’album sprizza epicità da tutti i pori e non cala praticamente mai di intensità, regalandoci cinquanta minuti ricchi e avvincenti tutti all’insegna dell’aggressività “moderna” del metalcore, della velocità del thrash, della complessità del progressive e del gusto – non scontato e mai banale – dell’heavy metal nella sua forma più classica e raffinata.

Ok, adesso non esageriamo: “In The Court Of The Dragon” non riscriverà di certo la storia del genere, ma sicuramente lascerà un segno importante in questa buona annata hard & heavy. Anche perché non capita tutti i giorni di avere un personaggio come Ihsahn (leader degli Emperor) a dare una mano negli arrangiamenti e nelle orchestrazioni. Quattro i brani straconsigliati: Like A Sword Over Damocles, A Crisis Of Revelation, The Shadow Of The Abattoir e The Phalanx

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni