Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Tom Morello – The Atlas Underground Flood

2021 - Mom + Pop
rock / elettronica

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. A Radical in the Family (feat. San Holo)
2. Human (feat. Barns Courtney)
3. Hard Times (feat. Nathaniel Rateliff, Jim Jones and Chipotle Joe)
4.You’ll Get Yours (feat. X Ambassadors)
5. I Have Seen The Way (feat. Alex Lifeson, Kirk Hammett and Dr. Fresch)
6. The Lost Cause (feat. Manchester Orchestra)
7. The Maze (feat. Andrew McMahon In The Wilderness)
8. Ride At Daw (feat. BreakCode)
9. Raising Hell (feat. Ben Harper)
10. The Bachelor (feat. IDLES)
11. Parallels (feat. Jim James)
12. Warrior Spirit (feat. Rodrigo y Gabriela)


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Non è stato affatto facile per il chitarrista Tom Morello (Rage Against the Machine, Audioslave) fermare tutto quello che stava facendo a causa del lockdown, soprattutto considerando il fatto che proprio nel 2020 si sarebbe finalmente dovuta realizzare la tanto sospirata reunion sui palchi dei Rage Against the Machine.

Se all’inizio Tom Morello era bloccato in una spirale di ansia e depressione a causa del Covid-19 poi ha deciso di reagire. Lo ha fatto prima di tutto per se stesso ma anche perché un futuro senza musica è un pensiero così triste che riguarda tutti –  artisti, addetti ai lavori e pubblico – indistintamente.

Un modo concreto per uscire dalla solitudine causata dalla pandemia lo ha trovato realizzando un doppio disco solista a cura della Mon+Pop Music. Il primo intitolato “The Atlas Underground Fire” è uscito il 15 ottobre di quest’anno mentre l’altro album gemello sempre di dodici tracce “The Atlas Underground Flood” è stato pubblicato il 3 dicembre. Come il precedente, anche in questo lavoro fioccano le numerose collaborazioni internazionali tra cui Kirk Hammett (Metallica), Alex Lifeson (Rush), Ben Harper, IDLES, Manchester Orchestra e molti altri.

“L’intento artistico supera il genere musicale” ha raccontato Tom Morello a proposito di questo secondo lavoro e infatti già il primo pezzo A Radical In The Family sorprende l’ascoltatore. Questa canzone strumentale di apertura include il DJ olandese San Holo ed è una traccia house distorta e progressiva. Da una parte il brano Human sicuramente più radiofonico sposa la featuring con il cantautore britannico Barns Courtney, mentre dall’altra Hard Times risuona decisamente rock‘n ‘roll. Qui Morello è accompagnato dall’artista americana Nathaniel Ratecliff. Si dimostra buona la performance con il polistrumentista Ben Harper in Raising Hell. Gli IDLES abbracciano la natura imprevedibile del disco con un estratto iroso The Bachelor. Uno dei momenti più forti. La chiusura  Warrior Spirit è una sorta di jam session ispirata al flamenco con gli strumentisti messicani Rodrigo Y Gabriela.

“The Atlas Underground Flood” cerca di giocare su un’ambizione musicale impavida, selvaggia e di ampio respiro contando su un enorme cast di collaboratori. Gli assoli di chitarra di Tom Morello, sempre brillanti, non mancano mai. Tuttavia in questa avventura emergono troppi terreni sonori esplorati. Non c’è coesione, ma confusione.

È curioso ma proprio Ben Harper alla fine del testo di Raising Hell canta o meglio consiglia saggiamente: “La strada è sempre lastricata di stelle cadenti, ora è il momento di decidere chi sei”.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni