Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Burial – Antidawn Ep

2022 - Hyperdub Ltd.
elettronica / ambient

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Strange Neighbourhood
2. Antidawn
3. Shadow Paradise
4. New Love
5. Upstairs Flat


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Antidawn EP” è il nuovo EP firmato Burial, acclamato producer dell’underground londinese, conosciuto per le sue sonorità dal colore metropolitano. In quest’ultimo lavoro, l’artista della City ha tradotto in musica atmosfere inedite, attraverso cinque tracce dal medio-lungo minutaggio nelle quali prende vita un vero e proprio itinerario di suoni, fatto di voci indistinte, organi e white noise.

Strange Neighbourhood è l’overture che cattura il sacro e lo mischia al moderno, unendo speech, vocalizzi e sintetizzatori, legati insieme da alcuni rumori di fondo, ronzii nelle orecchie dell’ascoltatore. Segue Antidawn, che a suo modo ricalca quei tappeti sonori stesi dalla traccia di apertura, fino a trascinare l’ascoltatore in Shadow Paradise, brano che ricorda vagamente il mood degli ultimi “Bon Iver”. Qui i cori si fanno più presenti, e i giochi di voce prendono spazio accompagnati dall’armonia altalenante dell’organo. Il brano assume poi un ritmo più concitato, apparentemente più cittadino, per risolversi nuovamente nelle atmosfere più oniriche che caratterizzano il resto della produzione.

New Love ricalca il fil rouge del disco, alternando ancora una volta campionamenti di voci, a volte cantate, mentre altre sussurrate, prima di trasformarsi in una traccia dal mood più lo-fi. Chiude il tutto Upstairs Flat, un pezzo alla “Jean-Michel Jarre”, in cui a tratti rimbombano synth più potenti, per poi alleggerirsi nuovamente verso la conclusione del brano, che assume toni più eterei e sognanti.

Antidawn EP” si può definire a tutti gli effetti un disco ambient, del cui genere sono presenti gli elementi più tipici, tenendo però conto anche delle nuove influenze che ha subito oggi la musica elettronica. Le tracce che compongono l’intero lavoro si susseguono fluentemente, rendendone organico l’ascolto. Il risultato finale è un mix di suoni e colori diversi, che si trasformano continuamente senza però mai smarrire la via tracciata da Burial, che dirige sapientemente i lavori: ciò non sorprende.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni