Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Calibro 35 – Scacco al Maestro – Volume 1

2022 - Woodworm / Virgin
soundtrack music

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Arena (feat. Matt Bellamy)
2. La classe operaia va in paradiso
3. Svegliati e uccidi
4. Il buono, il brutto, il cattivo
5. Cosa avete fatto a Solange?
6. C’era una volta il West (feat. Diodato)
7. Un tranquillo posto di campagna
8. Una stanza vuota
9. Trafelato
10. L’uomo dell’armonica


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ennio. Basta un nome per scuotere le menti e i cuori di molte persone. Dietro un semplice nome può celarsi una persona fuori dall’ordinario, un talento titanico che – volendo la sorte – può dare molto all’umanità. E fortunatamente per noi, il destino ha accordato questo permesso al Maestro Morricone.

È davvero difficile calcolare quanto la sua figura sia stata importante per il cinema e per la musica, dal momento che il terremoto artistico scaturito dal suo genio continua a non volersi arrestare. Tanti ne hanno subito e ne subiscono ancora il fascino, e tra questa schiera di seguaci non possono certo mancare i Calibro 35, solida realtà musicale italiana che dal 2007 ci regala affreschi cine-musicali di rara bellezza.

Scacco al Maestro – Volume 1” (2022 Woodworm/Virgin), il loro ultimo album, conferma ancora una volta questa tendenza positiva. Il disco porta sulle spalle il peso di un pluriennale lavoro d’archivio sull’opera di Ennio Morricone in cui – probabilmente – solo i Calibro 35 potevano avere l’ardire di cimentarsi. Un’impresa gigantesca, affrontata con la lucida follia di chi vuole omaggiare la memoria artistica di un nume della Musica. Complice forse la presenza nel loro codice genetico di una massiccia dose di colonne sonore, i ragazzi della Bovisa mettono a segno ogni colpo.

Ciascuno dei brani è intriso di riverenza, ed è impossibile esprimere delle preferenze. L’apertura con Arena, impreziosita dal featuring con Matt Bellamy dei Muse, è semplicemente maestosa. E rimanendo nell’ambito delle collaborazioni, la resa di C’era una volta il west con le maestrie vocali di Diodato è uno dei punti più alti di tutto il disco. Tuttavia, le vette scalate con successo sono moltissime: La classe operaia va in paradiso, dall’omonimo capolavoro di Elio Petri (alla cui opera è ascrivibile anche Un tranquillo posto di campagna), rappresenta un capolavoro di rivoluzione; Svegliati e uccidi e Cosa avete fatto a Solange? sono dei sapienti spaccati urbani; Il buono, il brutto e il cattivo – ovviamente – è il simbolo di un’epopea; e poi Trafelato, una vecchia conoscenza.

Davvero, è difficile stilare una classifica. Taluni potrebbero tacciare una mancanza di personalità da parte della band nella riproposizione dei brani. Ma seriamente, si può fare Morricone meglio di Morricone? I Calibro 35 portano a casa un contributo affettivo eccezionale, che può solo che fargli onore.

Ed ora, dopo aperture, finte ed affondi, siamo in attesa di capire a chi andrà la partita. Lo scacco matto è dietro l’angolo? Non resta che aspettare il Volume 2.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni