Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Manuel Agnelli – Ama Il Prossimo Tuo Come Te Stesso

2022 - Universal Music Italia
pop rock / alternative rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Tra mille anni mille anni fa
2. Signorina mani avanti
3. Proci
4. Milano con la peste
5. Lo sposo sulla torta
6. Severodonetsk
7. Guerra e pop corn
8. Pam Pum Pam
9. La profondità degli abissi
10. Ama il prossimo tuo come te stesso


Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Ama il prossimo tuo come te stesso” è la nuova dimostrazione di stile dell’ormai nazional popolare Manuel Agnelli dai temi cristiani, ma dalla forma dissacrante. Oscilla tra i temi dell’amore, della speranza e del desiderio. Tematiche ormai scontate e banali nella storiografia della canzone nazionale, ma a cui la modalità di scrittura e la grande esperienza dell’artista donano un particolare pathos. 

Il personaggio più amato e odiato allo stesso tempo dal rock italiano ha sfoggiato le migliori carte troppo presto: i due singoli che hanno anticipato l’uscita del disco, Signorina mani avanti e Proci, sono visibilmente i pezzi più articolati e studiati dell’album. Con suoni post-industrial e parti di piano introdotte anticonvenzionalmente nella sezione ritmica, si fanno notare rispetto alle altre tracce. Manuel è un bravo chitarrista, ma è con i tasti bianchi e neri che dà il meglio di sé. Il resto delle canzoni, infatti, consistono in delle ballate piano, archi e voce fatte a regola d’arte, ma meno entusiasmanti accostate a brani così avanguardisti. La colonna sonora di “Diabolik”, vincitrice del David di Donatello, La profondità degli abissi, annunciatrice della carriera solistica di Agnelli, fa da anello di congiunzione a queste “due anime”, unendo sperimentazione e tradizionalismo musicale.

Anche Severodonetsk e Guerra e pop corn interrompono nettamente la tendenza manichea del disco. In un lavoro che si pone magistralmente a metà tra il percorso artistico autonomo dell’ex giudice di X-Factor e le sonorità degli Afterhours, risentono maggiormente dell’influenza della storica band. Rimarcano la matrice underground del musicista unendo lo stoner all’alt rock. Non da meno è il brano centrale, Lo sposo sulla torta, che ricorda i successi pop del gruppo lombardo con l’introduzione di una misteriosa voce femminile.

Per quanto Manuel Agnelli possa spingersi verso il mercato musicale più becero, la qualità della sua produzione e l’assenza di freni inibitori nel suo linguaggio spiccano. Durante tutta la sua carriera, la sincerità musicale con cui espone i propri argomenti e l’udibile massima libertà che si concede nella composizione lo hanno sempre e comunque differenziato ed elevato dalla maggior parte dei suoi colleghi. “Ama il prossimo tuo come te stesso” è senza ombra di dubbio uno dei migliori dischi rock usciti in Italia negli ultimi anni.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni