Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Weyes Blood – And In The Darkness, Hearts Aglow

2022 - Sub Pop
baroque pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. It’s Not Just Me, It’s Everybody
2. Children of the Empire
3. Grapevine
4. God Turn Me Into a Flower
5. Hearts Aglow
6. And in the Darkness
7. Twin Flame
8. In Holy Flux
9. The Worst Is Done
10. A Given Thing


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Weyes Blood torna in grande spolvero col suo attesissimo quarto disco, dopo che con lo splendido “Titanic Rising” aveva stregato l’ambiente musicale e conquistato la critica guadagnandosi attenzioni internazionali, sia del pubblico che delle riviste di settore. Natalie Mering con “And In The Darkness, Hearts Aglow”, seconda parte di una trilogia di concept album, firma l’ennesimo buon disco, un album che condivide gran parte delle sonorità e delle atmosfere che abbiamo imparato ad amare nei suoi precedenti lavori.

La continuità stilistica si nota soprattutto nel sound, simile sia per strumenti impiegati che per l’uso degli effetti, dei delay e dei reverberi che contribuiscono ad accentuare quel mood onirico che permea la totalità del disco. Se per certi versi possiamo ricondurre la sua musica ad un cantautorato alternativo, quasi un pop barocco che strizza l’occhio alle sonorità anni Ottanta, per altri possiamo affermare che la personalità unica della cantautrice emerge con forza grazie alla sua voce che accompagna elegantemente l’intera produzione e che sorregge l’impianto musicale.

 It’s Not Just Me, It’s Everybody, il primosingolo uscito il 12 settembre, nonché la traccia che apre il disco, è la sintesi perfetta di ciò che Weyes Blood voleva esprimere col suo nuovo album: siamo diventati distaccati e diffidenti, cadiamo sempre di più nella desolazione dell’individualismo sfrenato dettato da algoritmi e ideologie, non ci rendiamo più conto di essere parte di un’unica grande cosa. Così come in Children Of The Empire, Grapevine e in God Turn Me Into A Flower ritroviamo sia gli stessi temi che le stesse impressioni musicali, la voce di Natalie ci accompagna costantemente con pacatezza, ci prende per mano e ci trasporta in una dimensione avulsa, quasi aliena.

Ciò che infatti è notevole nelle produzioni di Weyes Blood è proprio questa sua capacità di creare atmosfere magiche e a volte surreali che la rendono a tutti gli effetti una delle cantautrici più interessanti del panorama contemporaneo. Nonostante non ci sia nulla di nuovo sotto il sole per quanto riguarda il lato musicale, “And In The Darkness, Hearts Aglowriesce a sorprendere per la qualità con cui è prodotto, presentando un lavoro meticoloso sotto il profilo della scrittura e della costruzione del sound, guadagnandosi di diritto un posto tra i migliori dischi usciti nel 2022. 

Dopo l’uscita dell’album, al fine di promuovere le nuove canzoni, Natalie partirà per un tour internazionale, l’“In Holy Flux Tour”, che la vedrà calcare importanti palchi UK ed europei. Con la speranza di vedere la cantautrice anche su suolo nostrano, nel frattempo, non ci resta che ascoltare questo splendido lavoro e abbandonarci alle atmosfere psichedeliche tratteggiate con cura da Weyes Blood, lasciandoci cullare dalla sua splendida voce.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni