Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Montparnasse Musique – Archeology

2022 - Real World
afrohouse / tradimodern / soukous

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.  Bonsoir 
2.  Malele 
3.  Luendu 
4.   Badarou 
5.  Kamoulan 
6.  Mwangaza 
7.  Bonjour 
8.  Makonda 
9.  Plowman 
10. Panter 
11. Chibinda Ilunga 
12. Muparue 


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Un musicista algerino (Nadjiib Ben Bella) e un DJ sudafricano (Chobolo) che s’incontrano in una stazione della metro di Parigi (Montaparnasse, bien sur) e decidono di fondare un progetto centrato sulla musica del Congo. Più o meno probabile come un suonatore di Gamelin indonesiano e un ballerino cubano di salsa che s’incontrano a New York (stazione metropolitana 8th Avenue, of course) e formano una band che esplori il folk irlandese.

Malgrado le piatte rappresentazioni prevalenti nel nostro immaginario, nemmeno se avete fatto qualche viaggetto tra i suk di Marrakech e i safari del Kruger, potete avere veramente compreso la portata delle differenze presenti in un continente svariato e sconfinato come l’Africa. Dove le differenti tradizioni si parlano tanto quanto lo fanno quella pugliese con quella gallese. E dove la linea di comunicazione tra paesi “francofoni” (come l’Algeria e il Congo) e quelli “anglofoni” (come il Sudafrica), è praticamente non esistente. 

Eppure, in questa società globalizzata e iper-connessa di oggi, questi incontri sono possibili, al punto da non essere nemmeno stato un’incontro casuale, come capitava qualche decennio fa: non so, i tedeschi Can che incontrano il giapponese Damo Suzuki per le strade di Berlino e ne esce un capolavoro come Tago Mago. Negli anni ’20, alla stazione Montparnasse della metro, quello tra Chobolo e Nadjiib Ben Bella è stato un incontro voluto e pianificato. Anzi, come “Archeology” uscito a dicembre per i mitici tipi della Real World dimostra a posteriori, era un incontro necessario. 

Si fa presto a dire world music, termine emerso dalle nostre parti quarant’anni fa grazie a gente come Paul Simon o Peter Gabriel (fondatore proprio della Real World nel 1989) e che sta a indicare in un unico calderone tutto ciò che non è “occidentale”. Al punto che se viaggiate aldilà dell’Atlantico vi capiterà di vedere etichettata come tale anche la musica della “bella tradizione melodica mediterranea”. Ossia, Sanremo è World Music, se vivete nel New England. 

Capirete dunque che la storia dietro ad “Archeology” è ben più complicata per chi voglia approfondire. Leggiamo di una cosa che si chiama Soukous, musica da ballo congolese, ma di tradizione cubana (pensa un pò), con ritmi veloci e intricati tessuti chitarristi; su questa roba i Montparnasse Musique avrebbero innestato la afrohouse dei club di Johannesburg. La verità è che misconosciamo cosa ci sia davvero sotto alla trance che il disco stende su 41 minuti e 12 tracce. Guardatevi i video, fatti a Kinshasa, capitale del Congo, con l’aiuto di artisti locali e forse verrà pure a voi la frustrazione di non sapere cosa stia accadendo veramente da quelle parti. Tra i giovani di un continente dalla crescita demografica fuori controllo e che, ci piaccia o non ci piaccia, se continua così finirà per invadere l’Europa.

Su tutto questo, i Montparnasse Musique squarciano un velo per noi. Aprendo uno scenario, probabilmente ancora non vero se non nel prossimo futuro, in cui si stratificano tradizioni nordafricane, techno-house e Congotronics. Un progetto elettro-acustico, buono tanto per ballare per le strade delle Township di giorno, quanto nei club delle metropoli del continente di notte. E anche oltre il “continente nero”. Alla fine non importa se sei a Kinshasa, Johannesburg, Algeri, Nairobi, Torino o Kingston. Ovunque ci sia un africano, di antica o nuova generazione, questa è musica rilevante. Questa è musica che, ci piaccia o no, se continua così invaderà anche l’Europa. Cominciate ad ascoltare, tanto per non farvi trovare impreparati.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni