Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Escuela Grind – DDEEAATTHHMMEETTAALL

2024 - MNRK Heavy
death metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Ball and Chain

2. Punishment Ritual

3. Abyssal Plane

4. Meat Magnet (feat. Barney Greenway)


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Quando ti piace una roba si sente subito, se la ami si sente ancor di più. Se ci fai un EP dedicandolo totalmente a un genere solo rischi, ma gli Escuela Grind ‘sto rischio già se l’eran preso con i due precedenti in cui esacerbavano grindcore (ma dai?) e powerviolence, quindi perché non fare lo stesso con il death metal?

E fanno bene a rischiarsela ancora una volta, poiché il risultato è putridissimo, suona come colasse grasso dalle casse, di una ferocia fuori controllo. I quattro brani presenti in “DDEEAATTHHMMEETTAALL” si distinguono per non seguire pedissequamente il genere cresciuto a dismisura in seno alla soleggiata Florida, resa più oscura da una masnada di psicopatici zozzoni pronti a far saltare i dogmi della benpensante America degli anni ’80, per l’aggiunta di quel tocco personale di brutalità che rende le composizioni in larga misura più violente del dovuto (se di dovuto si può parlare quando si ha a che fare con l’eccesso), con le chitarre di Kris Morash che suonano come enormi schiacciasassi sludge in grado di trascinare tutto giù per lo scarico del cesso assieme a deliri ritmici da artiglieria pesante, se non pesantissima, se non completamente impazzita la cui combinazione rende l’ambiente soffocante e pestilenziale. Tutti cliché perfettamente crocifissi a un muro di cemento armato e quindi favolosamente funzionali.

Ma il pezzo forte del gruppo sta tutto nelle grida antiumane di Katerina Economou, la cui plumbea ugola strappa la pelle di dosso come manco il Pyramid Head di “Silent Hill” sarebbe in grado di fare con tanta cattiveria, se poi la troviamo al fianco di sua maestà del grind Barney Greenway i giochi sono bell’e che fatti, infatti Meat Magnet è pura psicosi, un’allucinazione paranoica in cui il duo demolisce microfoni, timpani e organi interni a suon di badilate rifilate di piatto al malcapitato di turno. Non un attimo di pace, e in fondo chi cazzo la vuole?

E se gli Escuela Grind sono ormai assurti a fenomeno heavy un motivo ci sarà.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni