Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Eye Flys – Eye Flys

2024 - Thrill Jockey
sludge / noise rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Trepanation Summer

2. Sleep Forever

3. Tuck & roll

4. Draining Pus

5. Feeding Regression

6. What's That Behind Your Ear?

7. Tear Away Face Plaster

8. Bananarchy Zoo


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ci sono voluti quattro anni a Jake Smith, Kevin Bernstein e Patrick Forrest (Spencer Hazard pare non essere più della partita) per rimettere in moto quel luridissimo camion che porta impresso sul lato il titolo di una delle canzoni più laide mai scritte dai Melvins ma infine eccoci qua: Eye Flys la band, “Eye Flys” il disco, un nome solo per un’esperienza di violenza senza pari.

Che il noise rock stia vivendo una seconda giovinezza è ormai risaputo, ma mantenerlo vivo, vegeto e pericoloso non è cosa da poco e costa fatica, sacrificio (dei timpani) e sangue (sempre dai timpani). Sporchi e rozzi, i tre di Philadelphia decidono che il debutto “Tub of Lard” non era sufficientemente pesante per i loro gusti e così per l’omonima nuova uscita pensano bene di ficcare tutto sotto una pressa idraulica. Il tandem di chitarra e voce di Smith piazza sull’altare sacrificale il capitalismo e prende ad accoltellarlo senza pietà alcuna. Sempre più lenti e marcescenti, gli Eye Flys doomificano il noise e rallentano quasi inchiodando, rendono il sound – già abbastanza maligno da essere scambiato per il demone più sporco mai evocato – ancor più osceno. L’orrore si manifesta in invocazioni sludge al sapor di fanghiglia bollente come magma una più assassina dell’altra, insultano e sbudellano la società, fanno a pezzi il rock’n’roll (Feeding Regression è un trapano infilato per via rettale su una pista da ballo all’inferno) e si fanno beffe di tutto e tutti armati di chiave inglese pronta a calare sul cranio del primo white collar a tiro.

Una regressione primitiva e salace, furibonda come non mai, a tratti hardcore nella sua chiavi di lettura più perversa, insomma, un gioiello di schifo bestiale.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni