Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Chelsea Wolfe – She Reaches Out to She Reaches Out to She

2024 - Loma Vista
darkwave / industrial

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Whispers In The Echo Chamber
2. House Of Self-Undoing
3. Everything Turns Blue
4. Tunnel Lights
5. The Liminal
6. Eyes Like Nightshade
7. Salt
8. Unseen World
9. Place In The Sun
10. Dusk


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Chelsea Wolfe, ancora una volta, si rivela una delle artiste più prolifiche in termini discografici, ma soprattutto di originalità: solo pochi autori riescono a pubblicare quasi un disco ogni due anni lasciando un margine definito dal punto di vista sonoro e tematico tra un’uscita e l’altra. 

“She Reaches Out to She Reaches Out to She” arriva in un momento particolare della vita della polistrumentista statunitense. “Become my own fantasy/Twist the old self into poetry”: senza parlare esplicitamente di dipendenze, in Whispers in The Echo Chamber in particolare, l’artista racconta tutte le difficoltà affrontate durante il suo percorso. La cupezza e freddezza della sua scrittura, questa volta, lasciano passare uno spiraglio di luce calda composta dalle emozioni contrastanti provate negli ultimi anni. Gran parte dei brani appaiono più frenetici del solito, come a voler rappresentare una fuga rocambolesca dalla sofferenza verso la propria redenzione che si interrompe solo nel rifugio sicuro della creatività.

A livello sonoro, il concept si traduce in un abbandono totale dei tratti folk della composizione della Wolfe. Viene ridimensionata anche la parte goth della sua firma che, pur rimanendo la protagonista di ogni pezzo, viene sostituita in molti casi da elementi trip-hop e industrial. La sua voce, estremamente distesa, compensa il tutto, come al solito, con una calma quasi disturbante. Ogni caratteristica di questo nuovo disco è estremamente equilibrata, basti notare la durata delle dieci tracce, tutte della stessa durata. Brani come Everything Turns Blue, Tunnel Lights e The Liminal, posti al centro, tra le caotiche House of Self-Undoing e Eyes Like Nightshade, compensano le parti nevrotiche dell’album con sfumature più dark. La canzone, non più attraente, ma totalmente spiazzante, è la nona, Place in The Sun, che riporta tutto il background cantautorale dell’autrice in una ballad. Chiude Dusk con la sua essenza rock e naïf. 

Chelsea Wolfe riconferma la sua abilità nel trasmettere immagini e atmosfere attraverso i suoi album. “She Reaches Out to She Reaches Out to She”, pur non rappresentando un nodo cruciale della continua evoluzione sonora della musicista, riporta egregiamente, nei minimi dettagli, un tentativo di svolta nella sua vita.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni