Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Pissed Jeans – Half Divorced

2024 - Sub Pop
noise punk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Killing All the Wrong People
2. Anti-Sapio
3. Helicopter Parent
4. Cling to a Poisoned Dream
5. Sixty-Two Thousand Dollars in Debt
6. Everywhere Is Bad
7. Junktime
8. Alive With Hate
9. Seatbelt Alarm Silencer
10. (Stolen) Catalytic Converter
11. Monsters
12. Moving On


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Vent’anni di carriera, sei album all’attivo e i Pissed Jeans non hanno ancora smesso di sbracare (termine altamente tecnico in uso alla stampa specializzata, ndr). Il trait d’union che unisce la band di “Shallow” (2005) e “Half Divorced” è il rumore tirato a livelli demenziali e quell’innata voglia di prendere alacremente per i fondelli il mondo che li circonda. Cosa differisce? Tutto e niente.

Basta la tripletta iniziale a capire che questo multiverso fetente e virulento va dove cazzo gli pare: Killing All the Wrong People schianta il thrashcore al muro, Anti-Sapio è hardcore enciclopedia con il segnalibro sulla California, Helicopter Parent DNA noise-doomescente. L’andatura dell’infausto quartetto della Pennsylvania è figlio dei Butthole Surfers, ma se di Gibby Haynes (Matt Korvette è il suo degnissimo successore e qui è intento a mangiare e cacare microfoni senza posa) e soci non hanno la stortura pseudo-hippy di certo quella necessità di fare a pezzi il rock alternativo coi pantaloni calati alle caviglie.

L’alta concentrazione di noisepunk’n’roll di Alive With Hate è a rischio overdose, quella al limite del cowpunk di Seatbelt Alarm Silencer pure e la supposta hc L’elenco di città/luoghi immaginari (es.: “Non-existence? Everything’s black“) sciorinato in Everywhere is Bad per sottolineare il concetto espresso nel titolo è punkadelia ignobile che si sporca da capo a piedi di fluidi corporei poco puliti, con cori d’ordinanza e qui sì che coi texani ci sono tutte le similitudini del caso, probabilmente anche a seguito di un test tossicologico, o almeno così si ha modo di capire. Sua gemella d’ignoranza è Junktime, ma più cattiva, più blasfema, dannosa, psicotica, cassa in quattro che poi lancia tutto come un treno pronto a deragliare carico di candelotti di noisedinamite e un basso che massacra.

Moving On sembra uscita da un disco dei Dinosaur Jr se i Dinosaur Jr fossero perennemente sbronzi e in compagnia dei Meat Puppets ed è la giusta chiosa di un album febbrile che, in tempi anestetizzati e puliti solo in apparenza, è una vera e propria boccata di aria putrescente. Respiratela a pieni polmoni.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni