Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Loia – L’alba della preda

2024 - Dio Drone / Teschio Dischi
hardcore

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Vuoto
2. L'alba della Preda
3. Invasori
4. ??????
5. Holiday in CampLöia
6. Ninna nanna
7. Finirà mai?


Web

Sito Ufficiale
Facebook

La loia in toscano è il sudiciume che si forma tra la pelle ed i vestiti delle persone, in particolare la sporcizia attorno al collo, sotto le unghie oppure tra dita e dita, che siano quelle dei piedi o delle mani.

I Loia sono un gruppo di Firenze, città dove immagini che tutto nel sottosuolo suoni di rap/hip hop e negli ultimi anni trap e dance nei localini da figli di papà. Un po’ è davvero così, ma esiste un seminterrato ancora più profondo dal quale escono rumori e melodie brutali, angoscianti, cupe e spaventose che ti riportano in vita facendoti dimenticare lo squallore medio borghese. Questi suoni provengono da Dio Drone e chi ci naviga attorno – amici, aficionados e sostenitori – e i Loia ne fanno parte.

C’è da dire che questo lavoro uscito su nastro è una coproduzione tra il sopracitato Dio Drone e Teschio Dischi, etichetta DIY di Padova specializzata in Stoner, Doom, Sludge, eccetera, che di uscite piene di cattiveria ed accattivanti ne fa molte.

“L’alba della preda”, per chi è amante del genere, sarà sicuramente una gioia; contiene sette canzoni intense quanto brevi dai testi in italiano, perché i Loia non si limitano a far sentire un suono incazzato ma vogliono raccontare al proprio paese di cosa tratta questa rabbia come nella più celebre tradizione punk-hardcore.

I suoni sono graffianti e si alternano tra andature grintose e caotiche e atmosfere più lente e dilatate con un certo richiamo al suono anni ’90 in cui basso e batteria non sono semplicemente addetti al ritmo ma anche al creare un certo stato d’animo. Le parti di chitarra e voce possiedono una furente tristezza che dona al tutto un’amara nostalgia di qualcosa che forse non è mai esistito: il futuro che ci è stato negato. È un lavoro cupo, pesante ed asfissiante, ma che fa sentire ogni strumento presente e grida forte assieme all’ascoltatore.

La sintesi dei concetti presenti in “L’alba della preda” la si può trovare nei versi del singolo Finirà mai?, di cui è stato anche realizzato un video da Nàresh Ran, fondatore di Dio Drone:

Una condizione di insicurezza costante, perennemente in bilico
schiacciati dalla paura, la sfera del tuo intorno, i macigni della responsabilità
e mentre tutto questo ti affligge, il tuo futuro si sgretola
mentre vedi assottigliarsi la busta paga e svanire lo stipendio.

L’adolescenza è morta e sepolta, amiche ed amici, e al suo posto è arrivato il mondo adulto, un incubo sbattuto in faccia quando sei sveglio.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni