Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Solbrud – IIII

2024 - Vendetta Records
atmospheric black metal / psychedelic rock / folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Hvile
2. Tåge
3. Når solen brydes del I - En undring vækkes I mit sind
4. Når solen brydes del II - Mod afgrundens flammehav
5. Når solen brydes del III - For evigt?–?For altid?–?Forandret
6. Når solen brydes del IIII - En ny tid for mig står
7. Ædelråd
8. Sjæleskrig
9. En ild som tusind sole
10. Aske
11. Postludium


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Quattro elementi, aria, fuoco, terra, acqua, quattro membri che compongono singolarmente ognuno una delle 4 parti che costituiscono un doppio vinile, per poi suonarlo insieme, ed è subito Ummagamma dei Pink Floyd. Ma qui non siamo in Inghilterra, non siamo negli anni 70, siamo in Danimarca, Copenhagen, siamo nel 2024, e siamo dinnanzi ad un lavoro che vedremo sicuramente in tante classifiche di fine anno, quando sarà, tra più o meno 10 mesi.

I Solbrud sulla carta suonano un black metal atmosferico, a volte dalle parti di certo Blackgaze (oh, mi piace chiamarlo così, che ci posso fare, amo le catalogazioni), solo che riescono a farlo stando in bilico tra due macro scene, quella americana di Wolves In The Throne Room e compagnia assolata e quella norvegese di tipi spensierati come Burzum et similia. Ed è qui che sta la loro personalità, ciò che li differenzia dal resto. Quindi lunghe cavalcate: Hvile e Æderåd viaggiano rispettivamente a 17 e 15 minuti, ma anche la suite Når Solen Brydes, seppur divisa in 4 parti, raggiunge e supera i 24 minuti, che spaziano tra mid tempo (USA dote) e sfuriate tipicamente black (nord Europa in my mind), attraversate da sfoghi folk e meravigliose impennate psichedeliche (tra Pink Floyd, appunto, Enslaved e Nachtmystium), con una classe ed una profondità disarmante.

Li conosco solo adesso, anche se come si evince dal titolo dell’album stesso, siamo al parto numero quattro (ancora quattro?), e non posso fare a meno di promuovere a pieni voti un lavoro, che seppur lungo (siamo oltre 90 minuti), a volte un pò ripetitivo, con una produzione che secondo me non lo valorizza appieno, con melodie e fraseggi che bisognano di diversi ascolti per entrarti dentro, sa essere, se attenzionato a dovere, potente viatico di emozioni genuine, vere e che non se ne vanno facilmente.

Classe, bravura, ispirazione, a volte genialità. Ne vogliamo ancora.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni