Impatto Sonoro
Menu
// archivio autore

Antonio Martorano

Antonio Martorano ha scritto 30 articoli per Impattosonoro.it

“Electric Warrior”, il vangelo glam rock dei T.Rex

Riportava indietro le lancette del rock’n’roll saltando molto di quello che nel frattempo era accaduto, e la voce ammiccante e ruffiana di Marc Bolan accarezzava i sogni e le fantasie degli adolescenti con le sue favole surreali ed ambigue, provocando scene d’isteria collettiva come non si vedevano dai tempi dei Fab Four

“Fire Of Love”, il fuoco distruttivo e purificante dei Gun Club

“Fire Of Love” era ambientato nelle zone più squallide dell’iconografia americana e invocava lo spirito dei vecchi bluesman per farli danzare attorno a un fuoco che era insieme distruzione e purificazione.

“Tidal”, le strategia di sopravvivenza di Fiona Apple

“Tidal” strappava le confessioni di una giovane donna per darle in pasto ad un pubblico all’epoca particolarmente bramoso di segreti, bugie e cantautrici con l’anima spezzata

“White Blood Cells” dei White Stripes, gli ultimi prigionieri del rock’n’roll

Jack White infilava le proprie visioni nella storia del rock’n’roll per uscirne con disco che aveva persino una fisionomia di modernità .”White Blood Cells” arrivava dritto in faccia, concedeva la parola al passato e dava garanzie sul futuro.

“Farm”, un ritorno al passato nel secondo tempo della storia dei Dinosaur Jr.

“Farm” era un ritorno al passato, come al solito pieno di raptus elettrici, corde rotte, dita sanguinanti e ritornelli bulimici di struggenti melodie. I Dinosaur Jr. erano ancora la band che aveva stregato Henry Rollins e David Bowie. Tra i tanti.

“Tigermilk”, i colori della solitudine nel disco d’esordio dei Belle & Sebastian

“Tigermilk” aveva canzoni affacciate sul bordo dell’adolescenza, a volte sussurava innocenza, altre confessava segreti e bugie e spesso ricorreva alle tinte pastello per raccontare il grigio della solitudine