Impatto Sonoro
Menu

Back In Time

Back In Time: BEASTIE BOYS – Hello Nasty (1998)

I Beastie Boys prendendosi poco o per nulla sul serio, fedeli al proprio rap quadrato e genuinamente scanzonato e coadiuvati da professionisti della musica di prim’ordine vent’anni fa ci consegnavano un album potente, originale e ciò malgrado assolutamente fruibile.

Back In Time: MR. BUNGLE – California (1999)

C’è tutto in “California”, e quando dico tutto intendo proprio TUTTO. È l’epitaffio perfetto di un secolo di psicosi e brutalità, cambiamenti e trasformazioni e sontuosa introduzione ad un millennio di luci ed ombre.

Back In Time: SLAYER – South Of Heaven (1988)

Quando gli Slayer entrarono in studio per registrare “South Of Heaven” sapevano di non voler semplicemente dar vita a un “Reign In Blood” parte seconda. Tutto ciò che desideravano era aprire una nuova fase, percorrere strade non battute in precedenza ed evolversi.

Back In Time: KYUSS – Blues For The Red Sun (1992)

Cambia tutto con “Blues For The Red Sun”: cambiano i Kyuss (e pian piano si sgretolano) ma cambia anche il rock del deserto, diventa vessillo dello stoner, diventa lo stoner stesso ora e per sempre.

Back In Time: SLIPKNOT – Slipknot (1999)

Gli Slipknot dietro le loro maschere facevano davvero paura e vedendo un mondo morente e allo sbando lo descrissero alla perfezione spingendolo definitivamente nella fossa che si era scavato da solo.

Back In Time: THE MARS VOLTA – De-Loused In The Comatorium (2003)

È proprio questa la forza che ha reso “De-Loused In The Comatorium” l’album immortale che è: essere complicato senza sembrarlo, rendendo possibile l’incontro tra mondi antagonisti per antonomasia, permettendo ai fan il singalong dove non avrebbe avuto senso ci fosse.