Impatto Sonoro
Menu

Back In Time

Back In Time: FUGAZI – End Hits (1998)

Fugazi

“End Hits” è l’album che i Velvet Underground avrebbero composto se fossero stati un gruppo post-hardcore. Un disco disarticolato e concettualmente affine ad un opus dadaista, fondato sull’uso sconsiderato dello strumento musicale ma al contempo mutuato dal disagio paranoide della propria epoca.

Back In Time: MASSIVE ATTACK – Mezzanine (1998)

Massive Attack

Se mai artwork ha costituito una sintesi perfetta dei contenuti musicali che accompagnava, quello di “Mezzanine” è senz’altro il caso migliore: un grottesco insetto nero, stravolto nella sua fisionomia naturale da bizzarri innesti meccanici, su uno sfondo bianco immacolato.

Back In Time: BLACKLISTED – Heavier Than Heaven, Lonelier Than God (2008)

Blacklisted

Dopo dieci anni, “Heavier Than Heaven, Lonelier Than God” rappresenta ancora una pietra miliare mai dimenticata nè da tutti i kids che hanno vissuto la scena statunitense in quel periodo, né tantomeno da tutte le band che l’anno usata come un Vangelo per proporre nuove sonorità.

Back in Time: NINE INCH NAILS – Year Zero (2007)

Nine Inch Nails

“Year Zero” riprende trame scontate e sonorità che interrompono una qualche evoluzione musicale nel progetto Nine Inch Nails, senza sottrarsi a uno sfruttamento di ritmiche più molli e meno ruvide.

Back In Time: RAGE AGAINST THE MACHINE – Evil Empire (1996)

“Evil Empire” non è un disco minore: è semmai un rivoluzionario “pop” che si riscopre e reinventa. Se il difetto imputabile è il suo essere meno pesante di “Rage Against The Machine”, beh, alla faccia del difetto. Trovatelo un altro album “hip hop” così.

Back In Time: MARLENE KUNTZ – Catartica (1994)

Marlene Kuntz

Riascoltare un disco come “Catartica”, soffermandosi sull’attraente copertina raffigurante quell’immenso fiore, rievoca inevitabilmente quella bella decade dei Novanta, satura di motivi per cui ricordarla ed elogiarla. È sempre bello affacciarsi da quella finestra dei ricordi “in volo libero sugli anni andati ormai”.