Impatto Sonoro
Menu

Speciali

De Gregori (1978): essere se stessi fino in fondo

“De Gregori” è il disco della rinascita del Principe, dopo il temporaneo abbandono dovuto alle feroci contestazioni del 1976. Un racconto che è una dichiarazione d’amore.

Back In Time: KING CRIMSON – Thrak (1995)

“Thrak” porta il Re Cremisi a testa alta nei feroci anni ’90, ancora comunque ubriachi del proprio gusto seventies per le avanguardie e la struttura delle composizioni affiancate da infestazioni oscure ed aggressive fino a quel momento in parte sopite

Back In Time: SLINT – Spiderland (1991)

“Spiderland” è un capolavoro di stasi e orrore nevrastenico. Un paesaggio drenato dai colori e su cui il sole non osa posarsi per timore di essere a sua volta privato del proprio calore. Un paesaggio attraversato da un mostro solo che naviga attraverso la terra brulla e smossa dai mostri che un tempo l’abitavano.

Back In Time: GUANO APES – Proud Like A God (1997)

A 21 anni dalla sua uscita “Proud Like A God” continua ad essere la scintilla che innesca il pogo violento in cameretta, tra un poster dei Limp Bizkit e uno degli Slipknot, come fosse una micidiale iniezione di benzina super dritta nelle tempie

[Première]: DEVOCKA – Meccanismi e desideri semplici

Devocka

Il disco esce venerdì 30 marzo su Dimora Records.

Back In Time: LINKIN PARK – Meteora (2003)

“Meteora” rimane comunque una prova di forza di rilievo e da tale va trattata/ricordata, e lo era sia al tempo in cui eravamo in piena tempesta ormonale sia oggi che siamo vecchi e malmostosi