Impatto Sonoro
Menu

Speciali

Back In Time: SLEEPYTIME GORILLA MUSEUM – In Glorious Times (2007)

“In Glorious Times” è un disco che vive di asperità indigeribili, angoli di crepuscolo disegnati su un fondale di una pellicola espressionista degli anni ’20, il tutto veicolato da un virus metallico che divora la pelle.

Back In Time: SMASHING PUMPKINS – Gish (1991)

“Gish” è il risultato di un tempo che si piega su se stesso traducendosi in un mondo a parte, avulso dallo sporco che si staglia in una decade di confusione e follia non solo artistica e che gli Smashing Pumpkins cavalcheranno a rotta di collo fino ad un’inevitabile autodistruzione.

[Video Première]: ENDRIGO – Questa è la casa

Endrigo

Il brano è estratto dal secondo album della band, uscito lo scorso aprile su Ammonia Records.

Back In Time: MIKE OLDFIELD – Tubular Bells (1973)

Tubular Bells

Il bello di questa monumentale opera rock si nasconde proprio nei più piccoli dettagli. Si tratta di minuscole avvisaglie di una ribellione contro major e addetti ai lavori che in maniera ottusa non colsero l’enorme potenziale commerciale della stramba creatura concepita dalla mente di un geniale enfant prodige.

Back In Time: MAYHEM – De Mysteriis Dom Sathanas (1994)

Potremmo stare qua a discutere all’infinito su quanto di “trve” sia sopravvissuto ai giorni nostri, ma il fatto che il primo lavoro dei Mayhem rappresenti di fatto la fine del black metal norvegese come fu originariamente concepito è un fatto inattaccabile.

[Video Première]: SO LONG – Spine

Il brano è estratto dall’album omonimo della band romagnola, uscito lo scorso ottobre.