Menu

Mountain Jam Festival: tre giorni di musica a Courmayeur (AO)

Il Mountain Jam Festival si svolgerà a Courmayeur (AO) in Valle d’Aosta.
Gli spettatori, accorsi per assistere ai concerti tenuti da gruppi provenienti da tutta Italia, avranno la possibilità di ammirare il paesaggio offerto dalla catena del Monte Bianco.
Il festival si svolgerà nei giorni 20, 21, 22 Giugno 2008.
I generi musicali proposti comprenderanno cantautorato, rock, musica elettroacustica, stoner rock e folk. I gruppi che si esibiranno sono: Fuzz Orchestra (MI, Hard Rock/Noise/Sperimentale), 404 Not Found (SV, Hard Rock/Heavy-Psych/Stoner Rock), Federico Sirianni (TO, Cantautorato/Folk), Alix (BO, Stoner Rock/Rock & Roll), Zemeyel (CA/SI, Elettroacustico/Sperimentale), Plasma Expander (CA, Hard Rock/ Sperimentale), Sirio 2222 (AO, Progressive), Re di Maggio (AO, Stoner Rock), Alberto Visconti e Rémy Boniface + Amici (AO, Cantautorato/Folk), Matteo Castellano (TO, Cantautorato), Holy Carpenters (CA, Jam Band/Elettroacustico), Hermetic Brotherhood Of Lux-Or (NU, Sperimentale/Folk), The Ultra Twist (SI, Rock & Roll/Garage/Punk).
Al normale palinsesto verranno affiancate delle jam sessions pomeridiane e delle esposizioni artistiche. Tra gli ospiti figureranno scrittori, produttori discografici ed artisti. Sarà possibile campeggiare liberamente in un’area apposita.

L’ingresso ai concerti è di 8 Euro per i tre giorni.

http://www.predepascal.com/mjf

Alix
Gruppo stoner rock bolognese. Quattro cd all’attivo che li ha resi famosi nel circuito stoner di mezza Europa. Nel 2000, suonano sul palco dell’Heineken Jammin’ Festival di Imola con i Muse, Guano Apes, Primal Scream e Rage Against The Machine, come gruppo vincitore della prima edizione di RockrEvolution. Nel 2003, il tour europeo con i norvegesi Pawnshop e gli svedesi Dozer, fa guadagnare agli ALiX il titolo di “Italian Psychedelic Groove Rock Band”. Nel 2004, nuovamente in tour europeo, assieme agli americani The Hidden Hand, la nuova band di Scott “Wino” Weinrich (noto anche per aver partecipato al progetto Probot di Dave Grohl). Nel 2005/2006 si esibiscono in vari tour in Italia e all’estero. Il nuovo disco che hanno registrato a Febbraio 2008, “G00d 1”, ha visto al mixer Steve Albini, già produttore di Nirvana, Stooges, Pixies e moltissimi altri.

Fuzz Orchestra
Trio milanese nato dalle ceneri dei Bron y Aur (quartetto di rock psichedelico con decennale esperienza e svariate pubblicazioni per importanti etichette indipendenti italiane come Burp e Wallace Records) dedito all’esplorazione di nuove sonorità in ambito rock, fanno convivere una sezione ritmica tipicamente hard-rock con rumori e voci prodotti da apparecchiature vintage analogiche come vecchie radio e giradischi. Il loro primo album omonimo (prodotto dall’etichetta Wallace Records, 2007) è stato acclamato dalla stampa come uno dei dischi rock italiani più innovativi del 2007.

404 Not Found
I 404 Not Found, di cui fanno parte Silvano Bottari e Sergio Pagnacco, rispettivamente batterista e bassista degli indimenticabili Vanexa, il cantante Marco Cabras e il chitarrista albanese Artan Selishta, cavalcano senza difficoltà i vasti territori dell’hard rock psichedelico e dell’heavy psichedelia contemporanea. La band suona energica sapendo toccare blues-rock e ritmiche funk, digressioni dal sapore desertico sfornando assoli arabeggianti e dai toni balcanici. Il loro primo album “Armless” è stato prodotto dalla Beard of Stars nel 2007.

Plasma Expander
Insolito power-trio, con una chitarra baritono al posto del basso, i Plasma Expander sviluppano massicce tessiture strumentali largamente influenzate dai pionieri dell’avant-rock chitarristico (Captain Beefheart, Red Krayola, Neu!) e dal blues. Il loro primo disco “Plasma expander” (2007 Here I stay Records) è stato recensito positivamente da diverse testate musicali specializzate e ha portato il trio sardo ad esibirsi in tutta Italia.

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or
Stupefacente progetto folckedelico sardo che realizza registrazioni live nei siti megalitici isolani pubblicandole con l’etichetta da loro gestita Transponsonic.records. Il gruppo rievoca climi trans-folk fra Comus e Third ear band con un’attitudine legata alla musica industrial ed al situazionismo.

The Ultra Twist
La band senese, nata dallo scioglimento della stoner band E.X.P. mescola le sonorità aspre della tradizione punk a melodie rock & roll e garage intensificate dall’utilizzo di elementi elettronici vintage che rimandano alle suggestioni dello space rock e del garage psichedelico. Le strutture dei brani sono ridotte all’essenza e caratterizzate da potenti riffs chitarristici e da ritmiche vorticose. Al tutto s’insinuano violenti assoli e suoni

Zemeyel
Trio di musica sperimentale costituito da ex membri dell’ensemble rumorista multimediale Cabernet Voltaire. Zemeyel costruisce un linguaggio d’improvvisazione radicale influenzato dal Weird-folk più eclettico e dalle esperienze proprie della musica concreta francese, dando vita a performances suggestive in cui suoni di cordofoni atonali si amalgamano ad una gestualità elettronica tipica della musica d’avanguardia e di un certo kraut-rock tedesco (Amon duul, Limbus4, Mauricio Kagel). Gli show del trio ereditano dall’esperienza Cabernet Voltaire l’aspetto d’improvvisazione Random-Video con dei softwares autogenerativi programmati appositamente per ogni determinato evento.

Federico Sirianni
Il cantautore torinese propone un repertorio di cantautorato contaminato dal folk. All’accompagnamento delle chitarre reggae si uniscono percussioni stilisticamente influenzate dai ritmi tradizionali sudamericani. L’abilità compositiva trova espressione anche nelle ballads il cui stile unisce la world music con il jazz. A Genova crea il gruppo “La giostra dei pazzi”, con cui nel 1992 vince la Festa degli Sconosciuti, diventando così il più sconosciuto d’Italia. Nel 1993 è ospite al Premio Tenco come miglior esordiente, l’anno successivo vince il Premio Regionale Ligure per la musica. Insieme agli allora poco noti Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu delle Iene scrive e mette in scena tre spettacoli di teatro canzone. Nel 1995 è invitato con un suo recital al Festival Internazionale di Teatro a Ventimiglia. Con il Teatro della Tosse di Genova mette in scena una rivisitazione musicale dei “Delitti esemplari” di Max Aub per la regia di Sergio Maifredi. Con il regista Giorgio Gallione realizza qualche anno dopo “Leggende metropolitane in concerto”. Dopo un viaggio nell’est europa e parecchie notti passate nei campi nomadi realizza nel 2002 il primo cd “Onde clandestine” prodotto da Giangilberto Monti e suonato con la Molotov Orchestra. Nel 2004 è invitato come rappresentante in ambito musicale di “Genova città della cultura” alla manifestazione “Musica e Poesia” a Monaco di Baviera. Nello stesso anno vince il Premio Recanati della Critica ed è ospite al Mantova Musica Festival. Il nuovo lavoro discografico esce a gennaio 2007 e si chiama “Dal basso dei cieli”. Realizza colonne sonore per un dvd dedicato alla Giornata della Memoria realizzato dalla Regione Piemonte e per il filmato ufficiale del convegno internazionale “Luna e i falò” dedicato alla prostituzione e alla tratta delle nuove schiave. Contemporaneamente all’intensa attività di concerti, è autore e interprete di “Soy poeta y nada mas”, reading musicale sull’opera di Pedro Pietri, principale esponente della poesia nuyorican.

Matteo Castellano
Cantautore apprezzato e seguito a Torino per l’estro delle performance dal vivo e l’incisività dei testi. Le sue canzoni accompagnate soltanto dalla sua chitarra evocano suggestioni decadenti e visionarie a tratti accostabili ad una certa produzione di Vinicio Capossela. Il suo stile è ricco d’influenze proprie della musica popolare trasportate all’interno di canali espressivi moderni. I testi assemblano un’espressività caotica a momenti introspettivi e di critica sociale.

Alberto Visconti e Remy Boniface + Amici
Poliedrico combo capace di coinvolgere, oltre all’organettista/violinista Rémy Boniface, molti musicisti generalmente polistrumentisti di estrazione folk, tutti posti a sostegno dell’estro cantautoriale di Alberto Visconti. La formazione ha negli ultimi anni tenuto svariati concerti in Valle d’Aosta ed in Piemonte ed ha appena pubblicato il primo disco.

Re Di Maggio
Gruppo rock con influenze stoner e testi in italiano, che nel corso di un’attività decennale ha saputo sviluppare un suono carico di distorsioni molto ben amalgamato, mostrando vivacità ed intraprendenza. I Re di Maggio, provenienti da Courmayeur, hanno al loro attivo alcuni CD (“Cometelanotte”; “L’addio Ideale”) ed una stabile attività live che li ha portati ad esibirsi a manifestazioni del calibro di Arezzo Wave.

SanniDei
Consolidata band di rock-blues elettrico con testi in italiano, ispirata dalle correnti proprie degli anni ’70 ed in grado di offrire eccellenti performances anche di natura acustica. I SanniDei nel corso di anni di attività durante i quali hanno registrato svariati CD (l’ultimo “Frammenti di Realtà” 2007), hanno suonato dal vivo con straordinaria frequenza in Valle d’Aosta, Courmayeur compreso, oltre ad aver intrapreso fortunate serie di concerti in Italia ed Inghilterra.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close