Menu

Interviste

Intervista agli SVETLANAS

svetlanas1Si presentano come ex-informatori del Kgb, agenti combattenti a cui avevano affidato il compito di rubare i segreti militari delle nazioni più potenti del mondo. Adesso hanno deciso di dare un taglio netto al passato e si sono abilmente “riciclati” come punk-rock band, guadagnandosi stima ed interesse di critica e pubblico. Scopriamo qualcosa di più su questo singolare gruppo che sta riportando di grande attualità la musica punk in Italia e non solo.

Ciao ragazzi, mi ha molto colpito la vostra fantastica “biografia”: ci potete raccontare qualcosa di più su di voi oppure è tutto “Top Secret”?
Ne sappiamo quanto te. Ci siamo risvegliati e realizzando di essere praticamente disoccupati abbiamo avvertito la necessità di dare un taglio netto col passato. Sebbene essere etichettati come ex-spie non è una cosa semplice da scrollarsi di dosso, cambiare identità è stata una sensazione liberatoria. A questo punto non ci rimaneva altro che coltivare ed investire sulle nostre qualità di musicisti, onestamente… non sappiamo fare nient’altro.

Ascoltando “Kgb Session” si percepisce tutta la “crudezza” della musica punk anni settanta: quali sono i gruppi che vi hanno influenzato di più?
Tony Face dei “Not Moving” e dei “Chelsea Hotel” ha detto che ricordiamo i Germs pre “G.I.”, gli Zero Boys di “Vicious Circle”, gli Lewd e i Circle Jerks di “Grop Sex”. Noi ancora adesso ascoltiamo le cassette di tutto il punk 77 americano, belga e slavo che abbiamo in casa.

svetlanasa2Secondo voi è possibile al giorno d’oggi una “rinascita” della scena punk?
Forse e` gia` stato detto tutto e non ci sara` mai una nuova “rinascita” ma la musica punk e` la migliore cosa sonora che possa capitare al nostro paese.

Vi aspettavate tutto questo interesse attorno a voi?
Non e` niente in confronto al putiferio che avevamo tirato su con il nostro ultimo tour in America…prima che quel fottuto ampli scoppiasse. Solo quando riusciremo ad avere la copertina adesiva di “Cioe`” potremo darci una calmata. Fino a quel momento… non saremo in grado di ragionarci su.

Dando un’occhiata alla vostra pagina MySpace ho letto che avete in programma un prestigioso tour americano: come vi sentite all’idea di portare la vostra musica proprio nella “tana del lupo”?
Come ti raccontavamo, siamo gia` stati nella “tana del lupo” nei tempi d’oro e siamo contentissimi di tornarci. Quanto siamo contenti dell’idea di fare un tour nelle Filippine il prossimo inverno..chissa` se almeno laggiù mangiano ancora i bambini…

E’ di questi giorni la notizia che “scaricare musica non è un reato”: qual è la vostra opinione in merito?
Piu` circola il nostro lavoro piu` siamo contenti. Scaricare musica non e` un reato. Se poi qualcuno ci ama e vuole dimostrarlo, crediamo che non avra` nessun problema a spendere tre dollari per il nostro “KGB Session”.

Grazie per la disponibilità, in bocca al lupo ragazzi!

a cura di Massimiliano Locandro

www.myspace.com/svetlanas77

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Close