Menu

Recensioni

Imogen Heap – Ellipse

2009 - Megaphonic
pop/trip-hop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. First Train Home
2. Wait It Out
3. Earth
4. Little Bird
5. Swoon
6. Tidal
7. Between Sheets
8. 2 - 1 (formerly ‘Pollyfilla’)
9. Bad Body Double
10. Aha!
11. The Fire
12. Canvas
13. Half Life

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Apprezziamo tantissimo Imogen Heap, fin dal disco d’esordio del 2005, intitolato “Speak for Yourself”. L’eccentrica ed eclettica cantante Imogen Jennifer Jane Heap, è un’artista a tutto tondo, che produce da sè i suoi album, scrive i testi e compone la musica.
Il suo genere è quasi indefinibile in realtà, ma possiamo comunque chiamarlo pop, trip-hop, elettronico, in una parola: alternativo. Ci ricordiamo Imogen anche per aver fatto parte del duo “Frou Frou” insieme a Guy Sigsworth, i quali decisero di registrare, scrivere e comporre insieme ogni brano del disco “Details”.

Quest’anno è uscito il nuovo lavoro di Imogen, “Ellipse”, composto da ben tredici tracce, una più bella dell’altra. Avvisiamo però immediatamente i gentili lettori che “Ellipse” potrebbe anche non piacere affatto, dato che si tratta di un qualcosa di veramente non consueto. Infatti, per una volta, non stiamo parlando di rock, di musica indie (e basta con questa parola) oppure di metal, ma di una musica ricercata, fine, di qualità, che potrebbe non conquistare le orecchie di tutti.
Non ho dubbi però che “Ellipse” potrebbe benissimo piacere anche a dei metallari accaniti, se questi ultimi hanno comunque sviluppato un buon gusto musicale unito ad un orecchio al quale si è insegnato di non precludersi ascolti differenti dal proprio ristretto genere musicale. “Ellipse” infatti è senz’ombra di dubbio un album incredibilmente piacevole, che potrà portare nella vita di tutti noi, un’ora circa di calma assoluta, con brani bellissimi ed introspettivi come “First Train Home”, primo singolo estratto, “Wait It Out”, “The fire”, “Canvas”, “Half life” e molti altri ancora.

Perchè il cuore e l’anima di tutti noi hanno bisogno anche di positività, di rilassarsi, di fantasticare con una musica quasi mistica. Per non dimenticarsi di sognare, per immaginare come i bambini, per un viaggio dentro se stessi, Imogen Heap.

Apprezziamo tantissimo Imogen Heap, fin dal disco d’esordio del 2005, intitolato “Speak for Yourself”. L’eccentrica ed eclettica cantante Imogen Jennifer Jane Heap, è un’artista a tutto tondo, che produce da se i suoi album, scrive i testi e compone la musica . Il suo genere è quasi indefinibile in realtà, ma possiamo comunque chiamarlo pop, trip-hop, elettronico, in una parola: alternativo. Ci ricordiamo Imogen anche per aver fatto parte del duo “Frou Frou” insieme a Guy Sigsworth, i quali decisero di registrare, scrivere e comporre insieme ogni brano del disco “Details”. Quest’anno è uscito il nuovo lavoro di Imogen, “Ellipse”, composto da ben tredici tracce, una più bella dell’altra. Avvisiamo però immediatamente i gentili lettori che “Ellipse” potrebbe anche non piacere affatto, dato che si tratta di un qualcosa di veramente non consueto. Infatti, per una volta, non stiamo parlando di rock, di musica indie (e basta con questa parola) oppure di metal, ma di una musica ricercata, fine, di qualità, che potrebbe non conquistare le orecchie di tutti. Non ho dubbi però che “Ellipse” potrebbe benissimo piacere anche a dei metallari accaniti, se questi ultimi hanno comunque sviluppato un buon gusto musicale unito ad un orecchio al quale si è insegnato di non precludersi ascolti differenti dal proprio ristretto genere musicale. “Ellipse” infatti è senz’ombra di dubbio un album incredibilmente piacevole, che potrà portare nella vita di tutti noi, un’ora circa di calma assoluta, con brani bellissimi ed introspettivi come “First Train Home”, primo singolo estratto, “Wait It Out”, “The fire”, “Canvas”, “Half life” e molti altri ancora. Perchè il cuore e l’anima di tutti noi hanno bisogno anche di positività, di rilassarsi, di fantasticare con una musica quasi mistica. Per non dimenticarsi di sognare, per immaginare come i bambini, per un viaggio dentro se stessi, Imogen Heap.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close