Menu

Recensioni

Royksopp – Senior

2010 - Emi
electro/ambient

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. …And The Forest Began To Sing
2. Tricky Two
3. The Alcoholic
4. Senior Living
5. The Drug
6. Forsaken Cowboy
7. The Fear
8. Coming Home
9. A Long, Long Way

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ci sono strade che sembrano poter valere la pena di essere percorse, anche se in fondo, alla fine del tragitto, l’unica scelta è girarsi e tornare indietro.

Tornare indietro sui propri passi, appunto.

É quello che cercano di fare i Royksopp con “Senior”, quarto disco della loro carriera, successore di quel “Junior”, antitetico fin dal titolo, che li aveva disastrosamente catapultati a testa in giù in un mondo danzereccio e su di giri, evidentemente inospitale per il duo di Tromsø .

Ci avevano provato, toppando su tutti i fronti, con un disco privo di potenziali singoli trascinatori, asettico ed anonimo, che li aveva relegati in un limbo pericoloso, a metà tra il mondo mainstream, che voltava categoricamente le spalle, e il pubblico di nicchia, insoddisfatto a priori ma con stavolta più di qualche legittimo e veritiero motivo per esserlo.

Ed è così che “Senior” cerca un salutare ritorno alle origini, alle atmosfere rarefatte, minimali, fredde, eleganti e irraggiungibili di “Melody A.M.”.

É un concept album, ognuno dei pezzi, a detta dei due norvegesi, è importante alla stessa maniera. Quello che salta fin da subito all’orecchio è la varietà nella scelta delle sonorità, dal rave saltellante di “Tricky Two”, all’elettronica di kraftwerkiana memoria di “The Alchoolic”, fino all’elegante lounge di scuola francese, scuola Air, di “Senior Living”.

Niente di innovativo dunque, solo un salutare esercizio di stile, giusto il tempo per tornare sui binari giusti dopo una sbandata che poteva risultare difficile da contenere.

La sensazione finale, anche e soprattutto ascoltando gli impensabili 6 minuti minimali e sorprendenti del primo singolo estratto “The Drug”, una sorta di breve, ma significativa capatina nel calderone berlinese, è che i Royksopp abbiano ancora molto da dire.

L’importante è capire cosa dire.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close