Menu

Interviste

Speciale SOS Diskariche Rock #2: intervista ai DEAD LIKE ME

SOS Diskariche Rock si pone come l’evento musicale che ha lo scopo di sensibilizzare le persone al problema delle numerose discariche presenti nella provincia di Brescia, dei problemi che esse creano agli abitanti e all’informazione necessaria per far si che più persone possibili vengano a conoscenza delle problematiche esistenti sul nostro territorio.

Ecco i Dead.Like.Me., gruppo novarese dalle sonorità più svariati ed interessanti. Qui con noi c’è Simone, cantante e songwriter del gruppo, che ci parlerà di ecologia, argomento che lo tocca particolarmente, e di scelte e percorsi musicali.

a cura di Mairo Cinquetti e Francesca

Come siete entrati in SOS Diskariche? Cosa vi ha spinto a partecipare?
Conoscevamo già Alessandro (Invasione Degli Omini Verdi, ndr) e avevamo visto che stava organizzando questa giornata. Parlando poi meglio ci ha descritto cosa aveva in mente e abbiamo accettato. Oltretutto il mio lavoro ha anche un lato ecologico, quindi ho pensato che sarebbe stato bello unire le due cose, musica e lavoro.

Voi siete una band di Novara. Conoscevate già la situazione di Brescia?
Tramite Alessandro sì. Vedevamo che pubblicava su facebook delle notizie inerenti al tema e poi me ne ha parlato anche in privato.

Nella vostra città conoscete situazioni simili a quella del Bresciano?
Che conosciamo no, ma probabilmente in periferia qualcosa c’è. Novara è comunque ai primi posti tra le città con più raccolta differenziata, indice che la cura dell’ambiente esiste.

Un altro argomento importante di cui si parla oggi è il referendum del 12/13 giugno, di cui non se ne parla molto.
Sono tematiche che colpiscono molto noi e me in particolare, in quanto io come lavoro installo pannelli solari e il nucleare inibisce molto questa nuova forma di energia.

Per voi è importante andare a votare?
Importantissimo direi. Anzi, fondamentale. Più che altro perchè se spingono tanto sul nucleare poi rischiano di sparire gli incentivi per chi vuole usare forme di energia alternativa, come appunto il fotovoltaico.

Voi, nel vostro piccolo, fate qualcosa in particolare per supportare l’ecologia?
Visto il mio lavoro  si può dire che la mia vita sia dedicata al completo sostegno dell’ecologia, quindi pannelli solari e tutto quel mondo, e chiaramente sono contro l’energia nucleare. Probabilmente qualcuna servirà anche, ma sicuramente non in quantità massiccia come sembra vogliano fare.

Con i fan vi capita mai di trattare questi argomenti?
Se devo essere sincero abbiamo preso la questione musicale di gruppo molto alla leggera, quindi non trattiamo mai tematiche che vadano sulla politica, sulla religione o, comunque, su temi così importanti.

Parlando del vostro mondo musicale e delle vostre canzoni, chi compone i pezzi?
Mah un po’ tutti! Di solito ci si trova in saletta, uno di noi lancia l’idea e poi da lì si parte e si va avanti con la composizione, incastrando pian piano i vari pezzi. I testi invece li scrivo prevalentemente io, ma ogni tanto capita che uno di noi porti qualcosa.

Una cosa che ho apprezzato particolarmente è quella di scegliere di pubblicare un link da cui scaricare tutto l’album, piuttosto che venderlo. Come mai questa scelta?
Potevamo scegliere di venderlo a 4/5€ durante i concerti, ma siccome non ci riteniamo un gruppo così affermato da poterlo fare, abbiamo scelto il download gratuito. L’abbiamo preso come un investimento per la band e per la nostra musica, con l’obiettivo di portare più gente possibile ai concerti in quanto è quello l’ambiente più importante per noi.

Dopo questo primo ep c’è del materiale nuovo su cui state lavorando? Avete in previsione qualche novità?
Siamo rimasti fermi molto tempo perchè siamo rimasti senza bassista, la ricerca è durata qualche mese ma adesso abbiamo trovato un nuovo componente, e abbiamo modo di rimetterci in pista e di scrivere diversi pezzi nuovi. L’idea è quella di fare un cd ma ancora non sappiamo dare delle tempistiche, quindi non ci sbilanciamo più di tanto.

www.myspace.com/deadlikemerock

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=yPa49ZHbPaQ[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Close