Menu

Recensioni

Fast Animal Slow Kids – Cavalli

2011 - Ice For Everyone
rock/alternative/punk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Nervi
2.Cioccolatino
3.Gusto
4.Lei
5.Copernico
6.Pontefice
7.Collina
8.Lì
9.Mangio
10.Organi
11.Guerra

Web

Sito Ufficiale
Facebook

La rabbia giovanile contenuta nell’esordio dei quattro perugini è un toccasana per orecchie affamate di ruvidezze baciate dall’italico idioma.

Anche perché, è questa risulta essere una delle caratteristiche più felici e riuscite dell’album in questione, tale rabbia viene abilmente dissimulata grazie ad una efficace ironia che investe tutti i testi di Cavalli. Non si (ci) prendono sul serio i Fast Animal And Slow Kids, un po’ come i toscani Zen Circus, con i quali hanno condiviso i palchi di mezza Italia in un recente tour. Giocare con l’ironia in maniera intelligente non significa appunto superficialità, così è tutto un ripercorrere, con affilato e lucido realismo, banalità, tic, deliri di onnipotenza e solitudini caratterizzanti la nostra attuale società. C’è crisi, e non si può certo stare sereni. Detto delle liriche, cosa dire invece della musica? Le coordinate sonore fanno riferimento ad un rock ruvido e ai confini col noise, memore della lezione che, a partire dagli anni ’90 (Afterhours) arriva fino agli anni 00 (Il Teatro Degli Orrori, Ministri). Valore aggiunto non da poco è la frenesia post hardcore e il senso di straniato groove lasciato in dote dai Fugazi, che li avvicinano quindi alla “nuova onda” rappresentata da gente come i Gazebo Penguins. Così, sia negli episodi più “catchy” e maggiormente fruibili (, Collina, che se promosse adeguatamente potrebbero realmente sbancare nel circuito indie) che in quelli più punk e spigolosi (la cattiveria che schiuma da brani come Mangio e Nervi) i FASK tengono sempre ben salde le redini dei loro puledri – anche grazie a prezzemolino Giulio Favero che lo ha registrato e ad Appino degli Zen che lo ha prodotto –  costruendo un lavoro maturo ed esaltante il giusto.

Va menzionato infine un brano come Guerra, intenso dramma pianistico che potrebbe essere foriero di sviluppi futuri interessanti.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Uz1yvMyQ8LM[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close