Menu

Recensioni

Gradinata Nord – Valtellina Boyz

2010 - Bacio Records
hard punk/oi!/turbo rock da stadio

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. valtellina boyz
2. la frangia dei cattivi
3. una birra al nait
4. ancora al braccio
5. gradinata rock
6. valley sleazy girls
7. palla al centro
8. sciatera beach nightmare
9. r.s. Army

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ok, il disco è del 2010, qui a Impatto Sonoro recensiamo prevalentemente novità, ma per i Gradinata Nord va fatta una doverosa eccezione, giacché raramente ci si imbatte in una botta rock così pesante e genuina.

Con i GN dovete sgombrare la mente da snobismi da fighetti intelletual-indie e rispolverare quella passione per l’air guitar che avevate quando, quindicenni, ascoltavate di nascosto i vinili dei Motorhead del fratello maggiore. Dovete far uscire il tamarro becero che è in voi, dovete ricordarvi di quando intonavate filastrocche volgari con un unico rutto dopo aver tracannato un boccale di birra intero.
I ragazzi valtellinesi hanno avuto un’esistenza travagliata, tra numerosi cambi di line-up ed uno scioglimento nel 2004. Dopo la reunion del 2006 e numerose prove, riescono finalmente a pubblicare il loro esordio Valtellina Boyz.
Questo è un disco da avere, punto e basta. Immaginate la carica visceralmente distruttiva che avevano le nostre bands Hardcore/Oi! Degli anni ’80, gente con le palle fumanti tipo Negazione, Nabat, Peggio Punx: pensate al punk metalizzato e ignorante dei già citati Motorhead; infine, fate un ultimo sforzo e focalizzate la lascivia fatta musica dei degenerati dello street rock, ovvero Dead Boys, Heartbreakers, Dictators, persino un pizzico dei tanto osteggiati Motley Crue. Bene, i GN sono tutto questo. Loro lo chiamano rock da stadio, e come dargli torto? Date un’occhiata ai titoli delle canzoni per rendervi conto, infatti, che i nostri sono dei veri hooligan innamorati del gioco del pallone: La Frangia Dei Cattivi, Gradinata Rock e Palla Al Centro sono dei veri e propri inni da cantare a squarciagola con una pinta di Guinnes in mano. L’intento parodistico è comunque sempre avvertibile, donando al tutto quel tocco di leggerezza e ironia che ce li rende simpatici ed irresistibili. Non si prendono particolarmente sul serio, cercando – e riuscendoci – di restituire al rock quell’energia cafona e rozza che in fondo piace tanto a noi tutti. Così, vi ritroverete a cantare di ragazze procaci e disponibili (Valley Sleazy Girls), agiografie di Braccio di Ferro (Ancora al braccio) e di salvatori del rock (R.S. Army).

Supportate i Gradinata Nord: i ragazzi non mollano mai.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=u_wEUjXIEEE[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close