Menu

Recensioni

Rosso Dalmata – Rosso Dalmata

2012 - Udurecords
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Mina si fa di ketamina
2. Romanzo noir
3. Adoro il 69
4. Il cubo di Rubick
5. Onda sinusoidale
6. Ho mal di dandy
7. Storia di ordinaria follia
8. Antistress
9. La stanza della busta
10.E' un problema se sono un omicida seriale
11.Pietra filosofale

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Le premesse per un futuro roseo per i Rosso Dalmata ci sono tutti e non si lasciano attendere, perché già le buone impressioni avute con l’ouverture di Mina si fa di ketamina (felicissima la scelta di puntare su questo brano come primo singolo estratto), trovano una discreta conferma nella successiva Romanzo noir.

L’omonimo disco di questo gruppo di Bologna è un amarcord di indimenticabili episodi recenti del rock nostrano, giusto per citare un nome torna utile quello dei Subsonica dei primi tempi, con un’incredibile assonanza soprattutto dal punto di vista vocale, oppure quello più prettamente “heavy” dei Linea 77. Il discorso si fa concreto se ci si concentra sui nomi che hanno contribuito al parto di questo ottimo lavoro: missaggio di David Lenci (Linea 77 e One Dimensional Man), masterizzazione di Carmine Simeone (Subsonica e Skin). C’è da dire che l’elettronica non è certo la peculiarità più immediatamente identificabile della band e che, forse, resta più facile concentrare l’orecchio sulle ritmiche piuttosto danzereccie che riportano ad un più levigato indie rock d’oltremanica e che non sfigurano in brani come Onda sinusoidale. Ma a voler rendere giustizia ai Rosso Dalmata si può più semplicemente ed onestamente parlare di rock “della casa”. Un paragone che può sembrare azzardato, ma che per certi versi alla fine è il più azzeccato, è quello con i Mistonocivo.

Non è una irriguardosa “accusa” verso la band quella dei numerosi paragoni, ma più semplicemente un “indirizzo” attraverso il quale riconoscere come si può applicare in maniera assai fedele l’insegnamento di fondo della musica dei Rosso Dalmata, cioè quello di rendere giustizia ai numerosi buoni esempi di casa nostra attraverso un lavoro che si caratterizza in ottime capacità espressive e compositive. Il panorama si arricchisce di tinte vivaci e genuine. Davvero un buon lavoro.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=vKtZhvLi338[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close