Menu

Recensioni

Hot Water Music – Exister

2012 - Rise Records
punk/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Mainline
2. Boy, You’re Gonna Hurt Someone
3. State Of Grace
4. Drown In It
5. Drag My Body
6. Safety
7. Exister
8. Wrong Way
9. Take No Prisoners
10. Pledge Wore Thin
11. No End Left In Sight
12. The Traps
13. Paid In Full

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Dopo oltre 8 anni di pausa discografica tornano gli americani Hot Water Music, che con il nuovo “Exister” danno finalmente seguito a “The New What Next”, del 2004.

Gli Hot Water Music sono sempre stati una band piuttosto particolare e sui generis, troppo rock per gli intergralisti punk, e troppo punk per i veri rocker, eppure in grado di convincere e appassionare entrambe le fazioni. Il loro segreto? Probabilmente la capacità di scrivere brani semplici e immediati, nei quali si crea un perfetto amalgama di dinamismo ritmico e melodie dal sicuro impatto. Effettivamente detta così è davvero la scoperta dell’acqua calda, ma l’evidenza dei fatti ci dice che la ricetta funziona.
“Exister” ha dunque il compito di ripetere il successo delle uscite precedenti, dando seguito alla difficile impresa di suonare semplici, ma non banali. Sin dall’opener “Mainline” si capisce chiaramente che Chuck Ragan e compagni non hanno perso il loro tocco magico, e arrivano alle casse ancora potenti e catchy, con in più una piacevole sfumatura rock (“Boy, You’re Gonna Hurt Someone”, “Drag My Body”), derivata con ogni probabilità dalla fugace esperienza con The Draft, gruppo seguidor dei Foo Fighters col quale i membri degli Hot Water Music si sono dilettati in tempi recenti.
Non mancano però i momenti più duri e tirati, memori degli esordi (“Finding The Rhythms”, 1995), che in quest’occasione rispondono al nome di “State Of Grace”, “Pledge Wore Thin”, “Paid In Full”, brani dalla struttura minimalista, ma dall’effetto headbanging garantito.
Rispetto ai dischi precedenti “Exister” può inoltre contare su una produzione nettamente più curata, che restituisce un sound caldo e corposo, pulito ma non asettico, che riesce catturare la fisicità tipica del gruppo (ben impressa nelle performance live) in modo vibrante e dinamico.

Il come-back discografico degli Hot Water Music è quindi positivo ed efficace, riesce a mostrare come si possa recuperare la propria identità artistica e rinvigorire il proprio sound con innesti funzionali e brani ispirati. Bentornati!

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=mmXzgMilwJk[/youtube]

 

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close