Menu

Recensioni

Gossip – A Joyful Noise

2012 - Columbia Records
pop/indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Melody Emergency
02. Perfect World
03. Get A Job
04. Move In The Right Direction
05. Casualties Of War
06. Into The Wild
07. Get Lost
08. Involved
09. Horns
10. I Won't Play
11. Love In A Foreign Place

Web

Sito Ufficiale
Facebook

A distanza di soli tre anni tornano sulla cresta del glamour i Gossip, che da altrettanto tempo – ovvero dalla pubblicazione di “Music For Men” – hanno raggiunto un livello di popolarità davvero notevole ( compresa l’ Italia, per una volta), soprattutto grazie al fascino quantomeno particolare del leader Beth Ditto, reinventatasi show girl da passerelle dopo un onestissimo debutto all’ insegna di un carismatico e riottoso garage-rock, sulla scia di gruppi come le Sleater-Kinney, di cui si consiglia almeno la seconda uscita sulla lunga distanza, “Movement”.

Tuttavia, se in “Music For Men” geometria post-punk e sfarzosità elettroniche avevano trovato il giusto feeling, sul nuovo “A Joyful Noise” il primo elemento viene in pratica tralasciato, ed anzi quando esso compare a tratti la sensazione è quella di assistere ad un precotto stile Madonna ( il singolo estratto Perfect World).
Attenendosi alla pratica siamo di fronte al peggior titolo della band, e i difetti, se precedentemente si erano attestati sulla poca potenza del resto dei componenti, stavolta sono da additare completamente alle smanie di Beth Ditto, che, come con quanto fatto nel suo recente esordio solista, un buon compendio electro-pop curato dai maestri del dancefloor Simian Mobile Disco, decide di intingere le undici canzoni di questo album su innocui ritmi dance-pop, buoni solo per cercare di piazzare un brano del lotto a metà classifica per un brevissimo periodo e nient’ altro.
Per di più il cantato, così come il mood generale di “A Joyful Noise”, cerca per la prima volta di atteggiarsi al contesto, prodigandosi in una performance generale eccessivamente tenue, molle, abolendo persino le possibili sfuriate nei ritornelli, mai così spenti ed abulsi.
A questo va aggiunto il livello mediocre dei testi che perdura ( e in brani come Involved sembra addirittura poter peggiorare) dai primi anni di formazione.

“A Joyful Noise” è un capitolo quantomeno da ricordare all’ interno della carriera dei Gossip, perché in definitiva non fa altro che chiudere le porte agli ultimi sprazzi di buona musica che con “Music For Men” era rimasta viva ed aprirle invece al music business, quello vero, fatto di spremute d’ arancia e bicchieri di cristallo. Alla fine non credo però che quando verranno presi d’ assalto da riviste di gossip e non di musica ci rimangano poi così bene.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=A8mw5i43-uQ[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close