Menu

Recensioni

The Offspring – Days Go By

2012 - Columbia
punk/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.The future Is Now
2.Secrets From The Underground
3.Days Go By
4.Turning Into You
5.Hurting As One
6.Cruising California (Bumpin' In My Trunk)
7.All I Have Left Is You
8.O.C. Guns
9.Dirty Magic
10.I Wanna Secret Family (With You)
11.Dividing By Zero
12.Slim Pickens Does The Right Thing And Rides The Bomb To Hell

Web

Sito Ufficiale
Facebook

A quattro anni da “Rise And Fall, Rage And Grace”, gli Offspring tornano all’attacco. Dopo il solito, estenuante tour mondiale, che li ha tenuti impegnati in lungo e in largo, la band è ritornata a casa per concentrarsi sulla realizzazione del nono album della propria carriera, “Days Go By”.

Il disco, dedicato, secondo le parole della band, a chi lotta per il proprio futuro, in questo periodo di grave crisi economica, è il primo con il nuovo batterista, Pete Parada, e il secondo con la collaborazione del noto produttore Bob Rock.
La sostanza di questi 12 brani è il tradizionale punk-rock california-style, reso celebre proprio da Dexter e compagni, sin dai loro esordi, ma, come d’abitudine, vede l’innesto, tra il serio e il faceto, di deviazioni stilistiche, come la musica afro/reggae e sonorità messicane.
Certo, la giovinezza skate-punk dell’omonimo esordio, “Ignition” e “Smash”, sono ormai un ricordo lontano, e i fan del gruppo si devono ormai accontentare di una band stagionata e che vivacchia ricalcando ritmi e strutture, strausate e arcinote.
La piacevolezza e la validità di tutto questo è parecchio altalenante, e, accanto a brani sicuramente convincenti e suonabili, come “The future Is Now”, “Turning Into You”, “Dividing By Zero” e “Slim Pickens Does The Right Thing And Rides The Bomb To Hell”, trovano (troppo) spazio brani faciloni e un po’ banali, come “Hurting As One”, “Cruising California (Bumpin’ In My Trunk)”, la ballad “All I Have Left Is You” e “O.C. Guns”.
I riff immediati e memorizzabili del vecchio Noodles mordono ancora, pur difettando della freschezza necessaria a far saltare ed esaltare come un tempo. Stesso discorso per la voce di Dexter, sempre formalmente impeccabile, decisa e concreta, e di certo una buona spanna sopra la media punk, ma ormai così nota e familiare da perdere buona parte del suo impatto originario.

”Days Go By” viaggia per certi versi sull’onda dei ricordi dei fasti passati, e i suoi timidi tentativi d’innovazione s’infrangono sugli scogli della stucchevole tamarraggine, stile “Pretty Fly (For A White Guy)”.  The Offspring, i veterani del punk-rock barcollano ma non mollano.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Y5Zy2GkWVFs[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close