Menu

Recensioni

Criminal Jokers – Bestie

2012 - 42 Records
alt/folk/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Bestie
2.Fango
3.Quando Arriva la Bomba
4.Da Solo Non Basti
5.Cambio la Faccia
6.Lendra
7.Tacchi Alti
8.Adesso Mi Alzo
9.Occhi Bianchi
10.Nel Centro del Mondo

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Mai come in questo caso le bestie assumono connotati amichevoli ed addirittura piacevoli: la band toscana infatti supera agilmente ed abbondantemente l’esame, sia per quanto riguarda i suoni e le atmosfere sia le liriche ed i contenuti, questi ultimi finalmente, mi permetterei di aggiungere, in lingua italiana.

Premetto che etichettare e paragonare qualsiasi cosa con qualsiasi altra lo ritengo uno sport rischioso oltre che penalizzante e limitante per chi scrive ed anche, se non soprattutto, per chi suona. Detto ciò, non posso comunque esimermi dal cercare di dare qualche riferimento, anche solo lontano e vago, all’ascoltatore e quindi butto lì tre nomi con annessa giustificazione: Zen Circus per l’attitudine disincantata e per il retrogusto sonoro; Afterhours per la capacità di arrangiare in maniera anche apparentemente schizofrenica ma sempre ben mirata e con peculiarità sonore (es. violini, clarinetto, ecc.) equilibrate e ben dosate; ed infine Verdena (quelli di “Wow”) per la capacità di lasciare scorrere il pezzo senza freni e/o limitazioni.
Deve comunque essere ben chiaro come “Bestie” vada decisamente oltre i nomi sopra citati e le annesse influenze, grazie a 10 tracce poliedriche e variopinte che danno fin da subito la certezza di essere al cospetto di una (già) grande realtà nostrana, abile nel tinteggiare la realtà quotidiana in modo del tutto personale e tramite variazioni e balzi sonori tanto repentini ed eterogenei quanto sempre efficaci ed adeguati.
E così possiamo passare dal rock – folk ampio ed avvolgente di “Fango” al (quasi) pop noir di “Quando arriva la bomba”, transitando dall’alt – rock potente e basso di “Lendra” come pure di “Adesso mi alzo”, pezzo tanto non etichettabile e schizzato quanto potente e pregevole.

In definitiva, un grande album per una band assolutamente già fatta e finita, ma che grazie ad un dna intriso di talento, stile e personalità dà la netta sensazione di poter comunque dire e dare ancora tanto alla scena musicale italica.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=X4vv9GuZ9YE[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni