Menu

I GANDHI’S GUNN diventano ISAAK e firmano con la Small Stone

I Gandhi’s Gunn cambiano nome e diventano ISAAK.
Un nuovo cammino che si preannuncia ricco di scelte importanti, a cominciare da una grande notizia: un contratto WORLDWIDE per due dischi con un’etichetta Americana.
Entusiasta del progetto e del sound degli ex Gandhi’s Gunn, Scott Hammilton, fondatore e proprietario della Small Stone Records, leader indiscusso della scena stoner mondiale (responsabile della pubblicazione di autentici culti come Acid King, Dozer, Los Natas, Sons of Otis, Solace, Might Could, Wo Fat, Five Horse Johnson, Skanska Mord e Dixie Witch fra gli altri) ha voluto la band genovese nella sua scuderia.
“Siamo molto orgogliosi di poter entrare a far parte della famiglia Small Stone” ha dichiarato il gruppo ligure “un’etichetta che non ha bisogno di presentazioni è che ci garantirà una visibilità mondiale” continua la band “e questo non può che essere il miglior inizio per un progetto che, siamo sicuri, ci darà enormi soddisfazioni. Siamo fieri del nostro duro lavoro e della strada fatta fino a qui. siamo orgogliosi di un riconoscimento discografico così importante”.
Forti di un contratto che prevederà la ristampa di “The Longer The Beard, The Harder The Sound” rimasterizzato e arricchito di alcune bonus track inedite e di un nuovo Full Lenght previsto per la fine del 2013, gli ISAAK rincarano la dose aggiungendo “ Siamo in procinto di poter annunciare il nostro primo tour Europeo che ci vedrà al fianco di una importante band Americana“ rivelano gli ex Gandhi’s Gunn “e nei piani per il 2013 stiamo studiando il primo tour Usa sotto l’egida della Small Stone. Intanto abbiamo cominciato a scrivere i brani che comporranno il nostro nuovo disco, che speriamo potrà essere considerato un punto di partenza per un nuovo corso nella nostra storia .. dopo i festeggiamenti per il record deal, è giunto il momento di dare vita ad ISAAK, una band nata per conquistarsi un posto d’onore nel mondo Heavy Rock ”
Gandhi’s Dead. Isaak is born.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=a4fSlKy2zmw[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!