Menu

Recensioni

Scott Kelly, Steve Von Till, Wino – Songs Of Townes Van Zandt

2012 - Neurot Recordings
country/folk/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.If I Needed You
2.St. John The Gambler
3.Black Crow Blues
4.Lungs
5.Rake
6.The Snake Song
7.Nothin’
8.Tecumseh Valley
9.A Song For

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Le canzoni di Townes Van Zandt. Un disco di tributo a opera di Scott Kelly, Steve Von Till (entrambi Nurosis e Tribes Of Neurot, nonché solisti) e Scott “Wino” Weinrich (Saint Vitus, The Obsessed, Shrinebuilder), tre artisti che, nel corso degli anni, hanno dimostrato un sincero e profondo attaccamento alla storia della musica country americana, la tradizione alla quale si ascrivono i vari Guthrie, Dylan, Cash, Waits e, appunto Townes Van Zandt.

Cantautore di culto, perennemente lontano dalle luci della ribalta e dal mainstream. Attivo dal 1965 al 1996, con in totale una trentina di album pubblicati, Van Zandt è stato un uomo, prima ancora che un artista, profondamente sensibile, elusivo e delicato, tratti acuiti dalla psicosi maniaco-depressiva e dalle dipendenze (alcol e droghe) di cui sofferse per molti anni. Kelly, Von Till e Wino, anch’essi musicisti particolari, certamente non di taglio commerciale, rendono il loro personale omaggio al pensiero, alla poesia e alla musica di Townes, senza indulgere nella mera commemorazione, ma, al contrario, facendo proprie e reinterpretando quelle particolari tenebre interiori, intime tristezze e malinconie quotidiane, di cui il cantautore di Fort Worth è stato meraviglioso autore.
Siamo dunque nel reame del folk più dark e sofferente, proprio come in “The Forgiven Ghost In Me”, “A Grave Is A Grim Horse” e “Adrift”, ultime uscite soliste dei tre musicisti coinvolti, non a caso estremamente debitrici della musicalità e dell’impronta Van Zandt, il cui più grande successo commerciale, “If I Needed You”, è trasposto in apertura, con dolce malinconia, dalla voce profonda e dalla chitarra di Von Till (immenso anche su “The Snake Song”). I nove brani scelti per questo tributo sono tutti ugualmente magnifici, sia che si tratti della struggente “St. John The Gambler” di Scott Kelly, sia delle più ritmate ed energiche “Rake” e “Nothin’” (Wino).

Un disco certamente minimalista, quasi del tutto acustico, eccezion fatta per misurati e effetti di riverbero e delay, volti ad arricchire di vibrazioni e ampliare il sound delle chitarre dei tre metallari in borghese, qui del tutto a nudo, nella loro umanissima fragilità emozionale, che traspare in ogni increspatura della voce, in ogni pennata sulle corde. “Songs Of Townes Van Zandt” è dunque molto più di una semplice raccolta di cover, oppure una chicca per i fan/collezionisti di Neurosis e Wino, quanto piuttosto una vera e propria opera di riflessione e meditazione artistica, un convivio di artisti che possiedono la stessa matrice di fondo, lo stesso background, e il medesimo rispetto e affetto per quello che è stato considerato il miglior cantautore americano di tutti i tempi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=6zXLdRR5SFk[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close